17 C
Verona
23 Maggio 2024
In evidenza Politica ultimaora

Europee, presentata la ricandidatura di Borchia (Lega): «Questa è un’Europa che va ripensata, cambiata»

«Questa è un’Europa che va ripensata, cambiata. L’errore più grande che finora è stato fatto è pensare che Bruxelles sia troppo lontana da noi, che alla fine quello che viene deciso lì è astratto. Invece la quotidianità dei cittadini viene condizionata da quello che, può o meno discutibile, viene deciso proprio in Ue».

L’ha detto l’europarlamentare uscente Paolo Borchia, a margine dell’ufficialità della sua candidatura per la Lega alle prossime elezioni Europee nella circoscrizione Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia-Romagna.

«Faccio due esempi fra tutti: la direttiva sulle case green e quella sulle auto elettriche. Quella di oggi è un’Europa tanto ideologica, con degli schemi che sono avulsi dal nostro territorio, schemi che non porteranno benessere ma seri problemi a imprese e famiglie. Ed è per questo che noi della Lega siamo in Europa: da un lato per contrastare questa deriva, per evitare che le nostre abilità e l’invettiva locale vengano soffocate e, contestualmente, per portare un’idea nuova, che sia davvero praticabile, concreta». «Un’idea che rimetta in modo l’Europa a iniziare dalla competitività e dalla promozione dei territori. Non ci sono dubbi: questa Europa così com’è è un po’ malata; lo è dal punto di vista economico e culturale. Serve, quindi, un’altra Europa. Un’Europa con identità, con radici, che abbia un orgoglio. Un orgoglio che parte dai territori, dall’umiltà di chi ha voglia di ascoltare la gente, le famiglie, le aziende e che poi traduca tutto questo in atti concreti. Serve più Italia e meno Europa ma non dal dal punto di vista di una preclusione ideologica, ma dal punto di vista realistico che, semplicemente, i risultati degli ultimi anni ci hanno dato ragione – ha continuato l’europarlamentare -. In questi 5 anni non è cambiata la nostra coerenza. Noi della Lega non abbiamo cambiato opinione su dinamiche sbagliate per il Paese: siamo sempre stati quelli che da un lato esprimono critiche nei confronti della Commissione europea, nei confronti dei gruppi di maggioranza in Pe ma siamo anche quelli che hanno in testa un’idea alternativa di Europa. Perché crediamo che un’altra Europa sia possibile. Abbiamo lavorato per questo e abbiamo intenzione di continuare a lavorare in questa direzione. Io per primo».

«Voglio ringraziare la Lega, per questa ulteriore dimostrazione di fiducia e per l’appoggio mai mancato in questi anni nel portare avanti le nostre battaglie anche a Bruxelles: Autonomia, sicurezza, difesa del Made in Italy, sviluppo economico e del tessuto produttivo, tutela dell’occupazione – ha concluso Borchia che è anche segretario provinciale del Carroccio a Verona -. Un ringraziamento speciale lo rivolgo a chi mi ha sostenuto 5 anni fa con il proprio voto: grazie a ognuno di loro per la vicinanza, l’affetto e la stima che mi hanno regalato fino a oggi. L’auspicio è che abbiano ricevuto in cambio serietà, idee, lavoro e presenza sul territorio. Nel loro rispetto, il viaggio continua».

Condividi con:

Articoli Correlati

Meteo, nuovo allarme per forti piogge su tutto il Veneto dal pomeriggio a domani

massimo

Verona, convegno per i 60 anni dalla morte dell’archeologo Francesco Zorzi, primo direttore del Fioroni

massimo

Legnago, l’amministrazione uscente nomina il nuovo consiglio di amministrazione di Fondazione Fioroni

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Valpolicella, approvato il bilancio del Consorzio di tutela della Doc: 3,8 milioni di fatturato

massimo

Verona, domenica a Villa Buri la “Festa dei Popoli” con tema “In cammino per la pace”

massimo