2 C
Verona
9 Febbraio 2023
Cronaca In evidenza ultimaora

False firme elettorali, a giudizio in 97 tra cui i sindaci di San Bonifacio, Pescantina e Pressana

schede-elettorali02

Sono 97 i candidati alle ultime amministrative del 2014 per i quali è stato chiesto il rinvio a giudizio con l’accusa di falso ideologico per le firme presentate a sostegno delle loro candidature. Tra di loro anche i sindaci di San Bonifacio, Giampaolo Provoli, e di Pescantina, Luigi Cadura (entrambi del Pd), il sindaco di Pressana, Stefano Marzotto (Udc, ma candidato alle Regionali con Area Popolare), l’assessore comunale a Verona, Alberto Bozza, l’ex sindaco di Affi e assessore provinciale, Carla de Beni (Lega Nord), e altri due ex assessori provinciali, Luigi Frigotto (sempre della Lega) e Samuele Campedelli, del Pdl. L’udienza preliminare del processo è fissata per il 15 marzo. Stralciata, invece, la posizione dell’avvocato Paolo Longhi, che era candidato a sindaco per il centro-destra a Legnago, che esce indenne da questo filone dell’inchiesta.

A San Bonifacio e Pescantina sono indagati anche alcuni candidati sindaci usciti sconfitti dalle urne: Giuliano Zigiotto (Pdl), Damiano Berzacola e Manuel Fornasier. L’indagine è coordinata dal pubblico ministero Beatrice Zanotti e gli imputati il 15 marzo dovranno comparire davanti al Gup Laura Donati che deciderà se accogliere o meno la richiesta di rinvio a giudizio presentata nei giorni scorsi dal pubblico ministero. La pena, per quest’accusa, va da 1 a 6 anni. Ma di mezzo c’è anche la revoca della nomina a sindaco o consigliere, se condannati a più di sei mesi, secondo la Legge Severino.

Condividi con:

Articoli Correlati

Formazione, 2.000 studenti hanno partecipato all Giornata internazionale sulla sicurezza in internet 

massimo

Cattolica trasferisce attività in Piemonte e la Cgil attacca: «Generali mostra il suo vero volto mettendo a rischio 90 posti di lavoro alla Insurecom»

massimo

Formazione, presentato il Piano Operativo Regionale “Persi, dispersi e ritrovati: le politiche per i giovani”

massimo

Negrar, i Carabinieri pedinano uno spacciatore fino a Montebello (Vicenza) per arrestarlo

massimo

Verona, sbloccato a Roma dal Cipess il progetto del Filobus con 6,73 milioni di euro di contributo in più

massimo

Verona, Adiconsum ottiene dall’Arbitro Bancario Finanziario il rimborso di 4.200 euro truffati ad un cittadino tramite sms

massimo