7.7 C
Verona
22 Febbraio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Fattorie sociali, la Regione semplifica la normativa come proposto dai consiglieri Andreoli e Sponda

La Regione Veneto si muove per semplificare le procedure relative all’iscrizione dell’elenco regionale delle Fattorie sociali. La Terza Commissione ha approvato, oggi, il parere positivo alla giunta per modificare l’iter che porta al riconoscimento delle attività, che attualmente in Veneto sono 33, di cui 8 nella provincia di Verona. Il presidente della Commissione, il consigliere regionale veronese della Lega, Marco Andreoli (nella foto), e la collega Alessandra Sponda, sempre veronese, esprimono soddisfazione per il provvedimento, che avevano proposto e sostenuto, e che verrà ora deliberato dalla giunta per entrare in vigore.

«Un grande passo in avanti per le Fattorie sociali del nostro territorio e per coloro che intendono intraprendere una nuova attività. Il settore ormai non si occupa solamente di coltivare prodotti di eccellenza destinati all’alimentazione, ma anche di portare avanti sempre di più politiche agricole volte al miglioramento dell’ambiente e alla riduzione dell’inquinamento, fornendo nuovi servizi alla comunità. In queste preziose realtà vengono coinvolte tante persone che presentano delle forme di disagio sociale o di svantaggio psico-fisico, le quali hanno così la possibilità di socializzare imparando un nuovo mestiere e avendo la possibilità di acquisire ulteriori competenze e professionalità. Una strada per costruire un futuro migliore per sé e per la propria famiglia», sottolineano Andreoli e Sponda.

Il provvedimento prevede che la modulistica da compilare per accedere all’elenco regionale verrà resa più semplice. «Oggi la procedura è molto complessa, l’obiettivo è quello di velocizzare l’iter burocratico – proseguono Andreoli e Sponda -. La raccolta dei pareri, tra cui quelli di Ulss e Comune, avverrà sempre attraverso la conferenza dei servizi. La presa d’atto avverrà, però, da parte del direttore regionale di area, senza il passaggio dalla giunta regionale».

Il nuovo regolamento prevede inoltre che la possibilità di cambiare l’ambito di azione dell’attività all’interno dell’elenco regionale e di subentrare ad un’altra fattoria, senza dover ripresentare la domanda.

Condividi con:

Articoli Correlati

Alta formazione, Cristiano Perale confermato alla guida dell’Its Red Academy

massimo

Verona, Università e Istituto internazionale del marmo uniti per creare un centro di ricerca per valore i rifiuti della lavorazione del marmo

massimo

Sciopero generale venerdì di tutti i settori pubblici e privati deciso dai Cobas: garantiti i servizi essenziali

massimo

San Martino Buonalbergo, colpo da 50mila euro al “10e Lotto”

massimo

Formazione, sette consigli per scegliere al meglio la scuola di inglese per i propri figli

mirco

Come le città italiane si stanno attrezzando per agevolare il nomadismo digitale?

mirco