5.7 C
Verona
3 Febbraio 2023
Basso Veronese In evidenza Manifestazioni Manifestazioni ultimaora

Fiera del Riso di Isola della Scala: presentata in Provincia l’edizione n° 50

Fiera del riso web

Presentata oggi in Provincia a Verona la Fiera del Riso di Isola della Scala che compie cinquant’anni. L’evento, che celebra il riso veronese e il risotto italiano, prenderà il via il prossimo 14 settembre per terminare il 9 ottobre con in calendario 120 eventi gastronomici, culturali, solidali e sportivi.

Al programma più fitto di sempre si affianca il progetto della nuova hall, l’area d’ingresso dei visitatori, con un percorso in grado di raccontare Fiera e riso attraverso mostre sensoriali, video, installazioni artistiche e spazi espositivi a tema, come la riproduzione di un’antica corte isolana tra le cui barchesse troveranno spazio le riserie locali con i propri prodotti. Nella hall prenderanno posto anche tre grandi statue dello scultore Isolano Alessandro Mutto, che rappresentano un contadino, una mondina e un bambino. All’ingresso della Fiera verrà posta, inoltre, un’antica pila da riso recentemente restaurata, grazie al contributo del main sponsor Europe Energy , che diverrà il simbolo dell’evento stesso.

«La Fiera del Riso riunisce tante eccellenze agroalimentari della nostra provincia, presentandole a centinaia di migliaia di visitatori. Questo evento è perciò un’occasione unica di promozione per moltissime produzioni di qualità scaligere», ha sottolineato il presidente della Provincia, Antonio Pastorello.

«Nell’anno in cui celebreremo la nascita tutta locale della Fiera del Riso, abbiamo organizzato l’edizione con il più alto numero di regioni rappresentate dagli chef in cucina tra concorsi, stand e serate a tema – ha detto il presidente della Fiera di Isola della Scala, Luigi Mirandola -. La Fiera è diventata in tal modo sia l’evento che promuove il nostro riso e il nostro risotto all’isolana, sia la grande festa del risotto italiano. Questo, per un paese di 11mila abitanti, è un piccolo miracolo, alimentato in 50 anni da migliaia di isolani che hanno lavorato per far crescere la Fiera».

«I primi paioli per cucinare il risotto 50 anni fa erano quelli che mia nonna prestava all’allora cuoco della Fiera, il cavalier Pietro Secchiati – ha ricordato il sindaco di Isola della Scala, Stefano Canazza -. Ogni cittadino di Isola della Scala custodisce personali e preziosi aneddoti come questo. Tantissime piccole storie che dimostrano quanto questa manifestazione appartenga a tutta la nostra comunità. La Fiera rappresenta quindi un valore importante della provincia Veronese, quella parte del nostro Paese che tiene in sé un patrimonio inestimabile di tradizioni e di storie, belle e vere, da raccontare. Ed anche dai punti di vista economico e sociale, questo evento è l’esempio di un territorio di pianura che ha saputo fare dell’agricoltura un inimitabile strumento di crescita».

La Fiera del Riso è organizzata da Ente Fiera di Isola della Scala in collaborazione con il Comune di Isola della Scala, con la partecipazione del Consorzio di tutela della Igp Riso Nano Vialone Veronese e con il patrocinio della Regione del Veneto e dell’Ente Nazionale Risi.

Tra i tanti ospiti di questa cinquantesima edizione ci saranno alcuni chef stellati e “stelle” della cucina del piccolo schermo, come Leonardo di Carlo, già campione del Mondo di pasticceria e uno dei giudici della trasmissione televisiva “Il più grande pasticcere”. Di Carlo sarà protagonista di una serata a tema nell’area ristorante della Fiera organizzata con Ais Verona ed Enaip Veneto. Saranno i ragazzi della stessa Enaip a preparare in uno stand della Fiera, per la prima volta, risotti all’isolana gluten free.

Gli chef impegnati, tra stand e concorsi gastronomici, arriveranno da 12 diverse regioni d’Italia: Veneto, Lombardia, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Marche, Toscana, Calabria, Campania e Sicilia. Tra cuochi professionisti e maestri risottari locali, la Fiera vedrà ai fornelli circa 300 persone.

Oltre 150 saranno gli stand della collaterale fiera campionaria, con espositori provenienti da una decina di regioni.  Ospiti ed eventi interregionali, come i concorsi “Risotto del Sommelier” e “Chicco d’Oro”, faranno di questa edizione la più “nazionale” da cinquant’anni ad oggi. Internazionale sarà invece il convegno fissato per domenica 2 ottobre, dal titolo “Il Riso fa bene,  Igp e Dop a tutela dei prodotti di nicchia del territorio”, che vedrà partecipare alcuni produttori europei di riso Igp (da Spagna e Francia). Sono in programma inoltre gli interventi di Paolo De Castro, della commissione Agricoltura del Parlamento Europeo, e Elisabetta Gardini, della Commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare sempre del Parlamento Europeo.

Al contempo, però, l’evento celebrerà le sue radici “locali” con un documentario, un libro e una festa, in programma il 4 ottobre, dedicata agli isolani e alla quale parteciperanno alcuni dei protagonisti di questo mezzo secolo di Fiera del Riso. Questa sarà anche l’edizione dell’evento isolano che più coinvolgerà in cucina i prodotti veronesi eccellenti e a denominazione. Per citarne alcuni, oltre al riso Nano Vialone Veronese: stortina (presidio Slow Food), Monte Veronese, radicchio, Tortellini di Valeggio, formaggi di Pecora Brogna della Lessinia, pesce del Garda, Olio Garda Dop, Grana Padano Dop, Soave, Valpolicella, Amarone, Durello, Recioto.

Condividi con:

Articoli Correlati

Pressana, muore cadendo in una cisterna: ennesima vittima sul lavoro

massimo

Ferrara del Monte Baldo, disperso in Vajo dell’Orsa recuperato ieri sera a tarda ora dai Vigili del fuoco

massimo

Borchia (segretario provinciale Lega): «Approvato il decreto sull’Autonomia. Giornata storica»

massimo

Pallavolo, da domenica al Palaferroli di S. Bonifacio l’Unione Volley si gioca il campionato in sette gare

massimo

Scuola&Formazione, boom di partecipanti a “Orientiamoci insieme” della Camera di Commercio di Verona

massimo

Terrazzo, dalla Regione 4 milioni per ridurre il rischio idrogeologico su due sponde dell’Adige

massimo