17 C
Verona
22 Maggio 2024
In evidenza Manifestazioni ultimaora

Fieracavalli, una scultura in marmo raffigurante tre cavalli “futuristici” per celebrare i 125 anni della rassegna

Una scultura in marmo raffigurante tre cavalli “futuristici” per celebrare i 125 anni di Fieracavalli. C’è anche l’arte ad accogliere in fera a Verona i visitatori della manifestazione mondiale legata all’ippica ed a tutto quanto ha a che fare con il mondo dei cavalli.

Dopo il debutto l’anno scorso per le premiazioni della Longines Fei World Cup, da oggi e fino al 12 novembre a Fieracavalli ritorna “Scall”, l’indomito cavallo futurista nel segno di Umberto Boccioni, ideato e realizzato dall’artista Federico Ferrarini, che abbandona la bidimensionalità per trasformarsi nella “Scall Triade”, una scultura in marmo raffigurante tre cavalli impetuosamente proiettati al futuro cosmico, pronti a diventare l’emblema del traguardo ultracentenario della manifestazione capostipite della storia di Veronafiere.

Un’opera dinamica, quella creata da Ferrarini, in cui il trittico si ripete. Sono tre, infatti, anche i marmi utilizzati per richiamare i 3 colori della Bandiera italiana: Verde Alpi metafora della maestosità della catena montuosa, Bianco di Carrara in omaggio al Rinascimento italiano e Rosso Verona, la pietra che storicamente caratterizza molti monumenti, e non solo, della città scaligera dall’antichità ai giorni nostri; il tutto con inserti di monoliti in acciaio. La scultura narra anche la sintonia creativa tra l’artista e Atelier Marmo di Campione d’Italia (Como), l’azienda di mastri lapidei ha creduto nel progetto fornendo le pietre naturali e co-firmando la lavorazione con Ferrarini, in collaborazione con Kromya Art Gallery.

La “Scall Triade” (40,5 cm di altezza x 22 cm di larghezza e 35 cm di profondità) svetta da una base in mogano di recupero con finitura a olio e lucidtura a cera firmata da Alessandro Savalli di AtelierWoo di Verona.

Durante Fieracavalli la “Scall Triade” sarà esposta all’ingresso principale del quartiere (area accredito Longines Fei World Cup) e sabato 11 novembre sarà consegnata al presidente di Veronafiere, Federico Bricolo, quale riconoscimento per i 125 anni della manifestazione.

Federico Ferrarini vive e lavora tra Verona e Miami. Inizia la propria carriera verso la fine degli anni Novanta, mentre frequenta l’Accademia di Belle Arti tra Bologna e Venezia. Ha collaborato con diverse gallerie in Italia e all’estero ed ha partecipato ad esposizioni presso istituzioni pubbliche e private di rilievo, tra gli altri il James L. Knight Center di Miami, Palazzo Garzoni Moro a Venezia e più recentemente il Macro di Roma. Legato alla pittura, negli ultimi anni si avvicina anche alla scultura.

Condividi con:

Articoli Correlati

San Bonifacio, alzato il ponte della Motta per far passare l’Alpone in piena

massimo

Maltempo, Soave conta i danni con oltre 170 abitazioni allagate fino al piano terra, una cantina devastata e 11 frane

massimo

San Pietro di Morubio, un morto nel ribaltamento di un’auto

massimo

San Bonifacio e Soave, attenti a finti tecnici di Acque Veronesi

massimo

Ciclismo, Magagnotti (Autozai Contri) secondo tra i giovani in Nations Cup

massimo

Meteo, nuova allerta in tutto il Veneto per forti piogge. “Rossa” nel Basso Veronese

massimo