5.3 C
Verona
29 Novembre 2022
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Valpolicella

Fumane, il parchetto comunale di Cavalo trasformato in latrina per ciclisti

Chiariamolo subito: qui nessuno ce l’ha con i ciclisti, anzi lo consideriamo uno degli sport amatoriali più belli. Fatto di passione, resistenza, sofferenza, scoperta di sé stessi e di quello che ci circonda. No, qui il problema sono pochi maleducati, incivili senza rispetto.

Accade oramai da settimane che gruppi di 4-5 ciclisti arrivino a Cavalo e facciano tappa al parchetto comunale. Negli anni il numero degli appassionati delle due ruote che frequentano la salita che da Fumane porta a Breonio passando per Cavalo è aumentato. Alcuni di questi hanno scelto il parchetto comunale non solo per rifocillarsi, fermandosi e riempendo le borracce alla fontana che vi sorge in centro. Ma soprattutto per pisciare. Proprio così: contro le piante, anche contro le panchine, due-tre alla volta. Uno spettacolo indegno ed una conseguente sporcizia dove poi giocano bambini e si fermano a mangiare famiglie.

Non solo, alcuni di questi, sempre gli stessi, in questi giorni di grave siccità hanno anche lasciato aperta la fontana del parco: dovevano riempirsi le borracce e volevano l’acqua bella fresca, quindi l’hanno lasciato correre per 5-6 minuti, poi si sono fatti le scorte e se ne sono andati. Lasciando la fontana aperta.

Sarebbe un peccato che per colpa di pochi si dovesse chiudere il parchetto comunale al libero accesso. Basta un po’ di civiltà e di educazione. Anche da parte di qualche ciclista.

Condividi con:

Articoli Correlati

Cologna Veneta, vinto un premio da 20 mila euro al 10eLotto

massimo

Verona, sette persone all’ospedale, di cui 4 gravi, per un incidente tra più auto

massimo

Bovolone, 86enne investito da un’auto: è gravissimo

massimo

Verona, grazie ad Adiconsum recupera 4500 euro sottrattigli con una truffa bancaria via sms

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Nogara, al Teatro Comunale in scena “Come respirare. Storie di ordinaria violenza” sul tema della violenza di genere

massimo