22.5 C
Verona
17 Agosto 2022
In evidenza Politica ultimaora

Funivia del Baldo, 5 Stelle all’attacco: «Basta, vanno eliminati gli emolumenti al Cda»

L'onorevole Francesca Businarolo
L’onorevole Francesca Businarolo

«Sulla Funivia del Baldo dal comune di Malcesine solo falsità. Vanno eliminati gli emolumenti al consiglio d’amministrazione». A sostenerlo è Francesca Businarolo, deputata del Movimento 5 Stelle, che interviene oggi su una vicenda che ormai si trascina da mesi.

«Il Comune di Malcesine nei giorni scorsi ha richiesto un nuovo parere alla Corte dei Conti del Veneto per cercare di fare ripristinare i compensi al consiglio di amministrazione della Funivia. Giudico questo fatto inaccettabile, visto quanto la Corte dei Conti del Veneto aveva già affermato con il parere rilasciato alla Provincia di Verona neanche sei mesi fa, e mi auguro che i giudici ribadiscano, anche alla luce non solo del precedente parere ma, soprattutto, tenendo conto anche di quanto detto dalla Sezione delle Autonomie della Corte dei Conti, la decisione ed impongano il recupero di quanto finora pagato al Cda contra legem»,

«Pur di non fare ricadere la Funivia nell’obbligo di gratuità per il suo Cda – spiega Businarolo – il Comune arriva a dichiarare cose diverse dal vero, con una richiesta che riporta affermazioni in contraddizione con lo statuto stesso della Funivia».

Tra queste, il fatto, riportato nel documento dell’amministrazione gardesana, secondo cui «il consorzio non esercita una funzione pubblica di carattere intercomunale e gestisce un’attività economica ed imprenditoriale, svolgendo in modo prevalente attività di gestione di impianti a fune per la mobilità turistico-sportiva in area montana».

«Non è così – nota Businarolo -. L’articolo 4 dello statuto della Funivia, infatti, dice chiaramente che “Il Consorzio ha come oggetto principale l’impianto e l’esercizio di funivie per il trasporto di persone e cose e, in particolare, della funivia che collega Malcesine con la frazione di San Michele e alla dorsale del Baldo”. La Funivia cioè è stata creata come mezzo di trasporto pubblico per persone e cose, non per la mobilità turistico-sportiva, come vuol fare credere ora il Comune». «Mi risulta che sarebbe stata la Provincia a chiedere a Malcesine di fare questa ulteriore richiesta di parere alla Corte dei Conti: è vero questo? Se sì perché? Forse è più comodo non recuperare i soldi indebitamente elargiti al Cda in tutti questi anni e continuare a darne anche oggi piuttosto che fare rispettare la legge?».

Condividi con:

Articoli Correlati

Brenzone, cadono in modo da soli: due feriti gravi

massimo

Sanità, nell’Ulss 9 già 27 mila cittadini senza medico ed altri 16 mila nelle prossime settimane per pensionamenti

massimo

Roverchiara, “Cereal Docks Organic”: «In fiamme solo un magazzino. Produzione salva»

massimo

Soave, serata di poesia al parco Zanella

massimo

Roverchiara, distrutta dalle fiamme parte della “Cereal Docks Organic”

massimo

Politiche 2022, il Pd candida come capolista alla Camera l’uscente Alessia Rotta

massimo