7.7 C
Verona
24 Febbraio 2024
In evidenza Politica Politica ultimaora Verona città

Gay Pride, Barbara Tosi: «Non è il Comune ad autorizzare le manifestazioni»

tosi-barbara

«Il Comune di Verona non ha concesso alcuna autorizzazione al Verona Pride del 6 giugno prossimo perché, per legge, non gli compete né autorizzare le manifestazioni né vietarle». È Barbara Tosi, sorella del sindaco Flavio, capogruppo in consiglio comunale a Verona e oggi candidata al consiglio regionale, a ribattere ad Alberto Zelger [si veda qui], pure lui consigliere comunale a Verona e fino a ieri nella lista Tosi ed oggi con Zaia, che ieri ha attaccato il sindaco chiedendo un “No” secco al Gay Pride a Verona previsto a giugno.

«Stupisce lo svarione del collega Zelger quando attribuisce falsamente al sindaco l’affermazione secondo cui “sarebbe stata la Prefettura ad autorizzare il corteo”. Il sindaco, come del resto la Polizia Municipale, sa benissimo che le autorizzazioni vengono rilasciate non dalla Prefettura, ma dalla Questura e il Comune ha unicamente il compito di verificare se il percorso della manifestazione crei intralci alla circolazione oppure se, nel percorso o nelle Piazze richieste, non siano state precedentemente richieste e autorizzate altre manifestazioni». «Solo il Questore, per motivi di ordine pubblico, può impartire prescrizioni sui modi e i tempi di svolgimento della manifestazione oppure vietarla, non certo la Polizia Municipale che non ha alcuna competenza in materia di divieti o prescrizioni per l’ordine pubblico. L’Ufficio manifestazioni del Comune e la Polizia Municipale hanno incontrato gli organizzatori della manifestazione Verona Pride che hanno preannunciato il percorso da loro deciso, modificandolo autonomamente in modo da evitare criticità viabilistiche – chiarisce Barbara Tosi -. È chiaro inoltre che nessuno, salvo il Questore, per ragioni di ordine pubblico, può spostare in periferia una manifestazione prevista in centro; qualcuno, sbagliando, avrebbe potuto chiederlo anche per quella delle Sentinelle in Piedi di stasera: la democrazia, in questo caso il rispetto e la difesa delle opinioni altrui, in primis quando diverse dalle proprie, evidentemente non è ancora patrimonio di tutti».

Condividi con:

Articoli Correlati

Salute, all’ospedale di Negrar il simposio mondiale sui trattamenti radioterapici di ultra precisione tramite Unity

massimo

Verona, domani sit-in in piazza Bra per la Pace in Palestina e Ucraina

massimo

Sanità, l’Oncologia dell’Azienda ospedaliera di Verona protagonista di un nuovo farmaco contro il tumore al pancreas

massimo

Villafranca, i sindacati proclamano lo stato di agitazione alla casa di riposo 

massimo

Verona, 8 arresti per associazione per delinquere, violenza sessuale aggravata, sfruttamento della prostituzione, detenzione di armi clandestine e truffa

massimo

Bardolino, il 29 febbraio (unica data in Veneto) Paolo Belli porta al teatro Corallo il suo “Pur di far Commedia”

massimo