20.4 C
Verona
24 Marzo 2023
Basso Veronese Economia Economia In evidenza ultimaora

Gazzo Veronese, vertenza con sciopero alla Piva Group per il rinnovo del premio di risultato

Vertenza alla Piva Group per la riapertura della trattiva sul rinnovo del premio di risultato, scaduto nel 2019. Le lavoratrici e i lavoratori della Piva Group Spa di Gazzo Veronese, importante impresa multinazionale dei serramenti, hanno scioperato con presidio davanti ai cancelli dei tre stabilimenti dell’azienda, martedì 15 e mercoledì 16 settembre per chiedere che venga riaperto il tavolo di trattativa per il rinnovo del premio di risultato.

«L’azienda ha avanzato una proposta di accordo ritenuta insufficiente rispetto all’attuale situazione, mentre i lavoratori chiedono che vengano migliorate le precedenti condizioni sulla parte normativa, che il premio non sia calibrato esclusivamente sulla base della presenza del lavoratore in azienda e che l’importo sia più certo e consistente – spiega Paolo Olivati della Cgil -. Lo sciopero ed il presidio davanti all’azienda hanno visto un alta partecipazione dei lavoratori».

Il precedente accordo sul premio è scaduto a dicembre 2019 e le richieste dei rappresentanti sindacali non sono state accolte dall’azienda e per questo è stato deciso lo sciopero. Ora, si attende da parte dei sindacati una risposta da parte della direzione di Piva Group nella speranza di poter riaprire le trattative.

Condividi con:

Articoli Correlati

Emergenza acqua, Mantovanelli all’Onu a New York: «Necessari meno sprechi e più investimenti»

massimo

Verona, in città uno dei quattro eventi della Settimana di azione contro il razzismo

massimo

Morti sul lavoro, il grido della Cisl Veronese dopo l’ennesima vita spezzata: «Basta, si deve intervenire»

massimo

Villafranca, è un 49enne l’operaio che ha perso la vita schiacciato da un macchinario

massimo

Villafranca, operaio perde la vita in fabbrica schiacciato da un macchinario

massimo

Lotta al Covid, ricerca dell’Università e del Sacro Cuore di Negrar evidenzia quanto il vaccino sia cruciale nella protezione dal virus

massimo