8.4 C
Verona
25 Novembre 2020
In evidenza Spettacoli & cultura ultimaora

Giochi e sport tradizionali, il “Tocatì” nato a Verona candidato a patrimonio culturale dell’Unesco

Sono stati presentati oggi a Venezia, a palazzo Grandi Stazioni della Regione, i contenuti e le finalità della candidatura multinazionale di iscrizione al patrimonio culturale immateriale tutelato dall’Unesco del “Tocatì”, il festival dei giochi tradizionali e di strada nato a Verona.

Si tratta dI un programma condiviso per la salvaguardia dei Giochi e Sport Tradizionali che vede il “Tocatì”, festival di successo ideato e realizzato dal 2003 a Verona dall’Associazione Giochi Antichi insieme all’amministrazione comunale, diventare un progetto ampio e ambizioso di salvaguardia di un patrimonio culturale immateriale che appartiene a tante comunità internazionali.

Paolo Avigo, presidente dell’Associazione Giochi Antichi, ha evidenziato il carattere internazionale del progetto a cui hanno dato vita l’Italia (capofila), insieme a Belgio, Cipro, Croazia e Francia, ma al quale hanno già manifestato interesse anche altri Paesi.

Avigo ha ricordato la complessità del processo di candidatura, che ha portato il 31 marzo scorso alla consegna del dossier, predisposto con l’aiuto della Regione del Veneto e del Ministero dei Beni Culturali, per il quale è intervenuto in collegamento da Roma, Antonio Parente, direttore del Servizio Unesco del Ministero, il quale ha evidenziato come questa sia la prima candidatura dell’Italia al registro di salvaguardia del patrimonio culturale immateriale (ICH).

Articoli Correlati

Lavagno, chiudono per lavori all’autostrada gli svincoli della Porcilana a Vago

massimo

[VIDEO] Illuminate di arancione le caserme dei Carabinieri che ospitano “Una stanza tutte per sé”

mirco

La Polizia di Stato: «+7,3% gli omicidi di donne nei primi 9 mesi del 2020)

massimo

Sfruttamento del lavoro, arrestati la responsabile e due collaboratori di una coop di Cologna Veneta

massimo

Cerea, dopo oltre 20 anni lascia il consiglio comunale l’ex sindaco Marconcini

massimo

Covid, nuova ordinanza di Zaia: nei negozi fino a 40 mq un solo cliente per volta

massimo