25.9 C
Verona
14 Aprile 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Grande distribuzione, domani sciopero contro la rottura delle trattative per il rinnovo del contratto

È stata indetta per domani, sabato 30 marzo, dalle Organizzazioni Sindacali Filcams CGIL, Fisascat CISL, Uiltucs una giornata di sciopero per le lavoratrici e i lavoratori dipendenti dalle imprese che applicano il contratto nazionale della Distribuzione Moderno Organizzata – Federdistribuzione.

«Stiamo parlando dei dipendenti dei supermercati e dei negozi della Grande Distribuzione, i colossi del settore per intenderci – sottolineano Graziella Belligoli della Filcams CGIL di Verona, Giosuè Rossi della Fisascat CISL Verona e Gabriele Bozzini della Uiltucs Verona -. Le ragioni dello sciopero sono motivate dalla rottura del tavolo di trattativa per il rinnovo del CCNL, scaduto, e bene ricordarlo, dal 2019. A quasi 51 mesi dalla scadenza, le Organizzazioni datoriali, hanno sostanzialmente abbandonato i loro dipendenti ad una spirale inflazionistica che ha messo a dura prova i loro redditi. Sono tornate al tavolo senza aver esplicitato chiaramente l’entità della proposta economica per il rinnovo, ma al contempo hanno chiesto di peggiorare la parte normativa del contratto con aumento della precarietà del lavoro e un abbassamento degli inquadramenti e una flessibilità degli orari che ad oggi è già insostenibile».

«Una richiesta inaccettabile in un comparto che occupa migliaia di lavoratrici e lavoratori della provincia veronese, che ha vissuto più di altri il tema delle dimissioni di massa e che si sta sempre più spopolando, perché sempre meno attrattivo dal punto di vista economico, soggetto ad una flessibilità di orari massacranti (part time involontario, orario spezzato, lavoro domenicale e festivo) inconciliabile spesso con la gestione della vita privata delle persone – sostengono le Organizzazioni sindacali territoriali -. Tutto ciò dimostra ancor di più la grave irresponsabilità delle parti datoriali, confermata ancora una volta da quanto sta accadendo al tavolo nazionale per il rinnovo».

Per queste ragioni sabato 30 marzo 2024 le lavoratrici ed i lavoratori del settore sciopereranno per

l’intero turno giornaliero. E i sindacati organizzeranno un presidio nella mattinata, dalle 10 alle 12, davanti alla Prefettura di Verona in Piazza dei Signori.

Condividi con:

Articoli Correlati

Europee, Borchia (Lega): «Onorato per candidatura, viaggio continua con serietà, idee, presenza territorio»

massimo

Ciclismo, Magagnotti regala la prima vittoria stagionale al team Autozai Contri

massimo

Verona, domani apre il 56° Vinitaly con 4 mila cantine presenti in fiera

massimo

San Bonifacio, è Antonio Verona il candidato a sindaco della Lista Provoli

massimo

Verona, ampia partecipazione al presidio in piazza Cittadella per lo sciopero dei settori privati

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco