22.3 C
Verona
15 Agosto 2022
Cronaca Cronaca Est Veronese In evidenza ultimaora

Guerra in Ucraina, Caldiero ricorda il partigiano Villy, ucraino e sovietivo, morto nel 1945 in paese in uno sconto con i nazisti

«“L’Italia ripudia la guerra come mezzo di risoluzione delle controversie” recita l’art. 11 della Costituzione. Per questo come amministrazione comunale di Caldiero vogliamo esprimere la nostra preoccupazione per quanto sta accadendo in Ucraina in questi giorni. Esprimiamo la nostra solidarietà a quanti in questo momento stanno soffrendo le conseguenze dell’occupazione militare di un Paese di antiche origini».

L’ha detto questa mattina il sindaco di Caldiero, Marcello Lovato, deponendo un mazzo di fiori sulla tomba del partigiano Villy per testimoniare come a pagare la follia della guerra siano soprattutto i giovani e le persone semplici. «Villy era nato in Ucraina ed ha combattuto per l’Unione Sovietica morendo per la libertà di noi italiani, ucciso in uno scontro tra partigiani e nazifascisti a Gombion nel 1945 – ha ricordato Lovato -. Il Municipio da questa sera sarà illuminato con i colori della bandiera ucraina per mettere in evidenza il grido di “Pace” che abbiamo posto sulle nostre finestre. In queste ore abbiamo contattato le persone ucraine residenti a Caldiero per essere loro vicine».

Condividi con:

Articoli Correlati

Olivicoltura, video dell’Aipo: olive entrate nella fase di inolizione

massimo

Sanità, la Cgil denuncia: «La diagnostica biologica del Centro trasfusionale di Bussolengo spostata a Borgo Roma»

massimo

Verona, al “Mura Festival” il reggae dei “Niu Tennici in Roots of San Bernardin”

massimo

Zaia ricorda Augusto Salvadori: «Un veneziano innamorato fino in fondo della sua città»

massimo

San Giovanni Ilarione, arrestato il 61enne: era tornato a casa pistola in pugno

massimo

San Giovanni Ilarione, il pensionato che ha sparato all’ex moglie senza colpirla è in fuga armato

massimo