2.9 C
Verona
5 Febbraio 2023
In evidenza Politica Politica Verona città

Il giornalista Damilano presenta il suo libro “La Repubblica del Selfie”

damilanom

Stasera sarà ospite a Verona Marco Damilano, già allievo dello storico cattolico-democratico Pietro Scoppola, da anni cronista politico di punta dell’Espresso, e da qualche tempo anche protagonista del popolare programma televisivo ironico-politico “Gazebo”, condotto da Diego “Zoro” Bianchi.

L’autore presenterà il suo nuovo libro “La Repubblica del Selfie. Dalla Meglio Gioventù a Matteo Renzi” (Rizzoli), in dialogo con il consigliere regionale Roberto Fasoli, e Michele Fiorillo, storico e membro della Direzione Regionale PD, esponenti entrambi della sinistra democratica critica. Appuntamento alle ore 18 alla libreria Feltrinelli di via Quattro Spade 2, Verona.

«La nuova razza padrona che ha il volto di Matteo Renzi si presenta senza passato, avida di presente, proiettata al futuro. Detesta il fardello della memoria, rifiuta la responsabilità dei decenni precedenti: noi non c’eravamo. Invece va inserita in una storia che arriva da lontano», avverte Damilano nel libro, che è appunto la ricostruzione storica di quasi settant’anni di vita repubblicana, dall’età dell’oro dei padri costituenti alla meglio gioventù degli anni Sessanta, fino a quest’epoca dei “figli di nessuno”. Ma è davvero tutto come sembra? O i nuovissimi padroni della scena politica hanno ereditato molti vizi antichi della nostra vita democratica?

Condividi con:

Articoli Correlati

Monteforte d’Alpone, Ettore Prà, 17 anni, nominato da Mattarella “Alfiere della Repubblica”

massimo

Bardolino, oggi la Coppa Giulietta&Romeo tra il Garda e la Valpolicella

massimo

Verona, i sindacati sull’ennesimo morto sul lavoro: «Una strage che non si ferma»

massimo

Verona, la SuperBeton smantella l’impianto di via del Vegron. Bertiucco: «Vittoria dei cittadini di Montorio»

massimo

Verona, deserta l’asta per la Domus Mercatorum. Venduta Casa Bresciani a 3,3 milioni

massimo

Cerea, la Regione dà il via all’eliminazione di tre passaggi a livello con un progetto da 14 milioni

massimo