14.1 C
Verona
20 Aprile 2024
Economia In evidenza ultimaora

In Regione, il consigliere Rigo lancia l’istituzione dell’Albo delle imprese agromeccaniche

Semplificazioni per l’iscrizione all’albo delle imprese agromeccaniche, sostegni economici per l’ammodernamento di macchine e attrezzature così essenziali nell’agromeccanica, formazione e aggiornamento del personale che le utilizza. Sono queste le novità della nuova legge regionale  di modifica quella del 2014 su “Disposizioni per la qualificazione delle imprese che svolgono attività agromeccanica”.

«Finalmente viene ufficialmente riconosciuto il ruolo di queste imprese senza cui la moderna agricoltura non può essere concepita. Un settore che però necessita di alta qualificazione e formazione costante. La Regione del Veneto ha colto l’importanza di questo settore e si è quindi mossa per esaltarne le competenze e assicurare la sicurezza sul lavoro», sottolinea Filippo Rigo, consigliere reginale dell’Intergruppo Lega – Liga Veneta, illustrando la legge di cui è stato primo firmatario e che è stata presentata oggi in Consiglio regionale del Veneto.

«Sono ormai passati 20 giorni dall’approvazione della legge, e da allora abbiamo avuto molti riscontri positivi da addetti ai lavori e dalle associazioni di categoria. Un ulteriore segnale di quanto questa modifica sia utile – gli fa eco il presidente nazionale della Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani, Gianni Dalla Bernardina, presente all’incontro assieme ai rappresentanti provinciali del Veneto e i rappresentanti di Emilia Romagna e Lombardia.

«Per noi è una grande soddisfazione che va a coronare un lavoro iniziato da anni – spiega Dalla Bernardina -. Senza i “professionisti dell’agricoltura”, come possiamo definire gli specialisti dell’agromeccanica, non potrebbe essere svolto il lavoro dei campi. Questa nuova legge regionale riconosce il loro ruolo e la loro importanza. Il Veneto così si affianca a Lombardia ed Emilia Romagna nell’istituzione dell’albo: una grande novità, visto il peso che questa regione riveste nella produzione lorda vendibile a livello nazionale. Anche altre amministrazioni regionali dovrebbero seguirne l’esempio».

«L’Iscrizione all’albo – continua il consigliere Rigo – permetterà non solo di redigere un elenco di professionisti qualificati e in regola, garantendo così l’eccellenza del servizio e quindi del prodotto finale, ma permetterà anche di poter investire nella formazione e nella sicurezza. I macchinari utilizzati dal settore sono infatti estremamente complessi: è necessaria una grande competenza per il loro utilizzo. I fondi sbloccati andranno proprio in questa direzione: investire sui lavoratori per investire sulla qualità di un settore, quello agroalimentare, che il resto d’Italia e d’Europa ci invidia».

Nella foto, da sinistra Dalla Bernardina e Rigo

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, Giuseppe Riello rieletto per la terza volta alla presidenza della Camera di Commercio

massimo

San Bonifacio, l’assessore uscente Simona de Luca si candida a sindaco con una civica

massimo

San Bonifacio, Forza Italia e Fratelli d’Italia candidano Nicola Gambin a sindaco

massimo

Cerea, l’Isuzu dona un furgone ai Carabinieri per la Croce Rossa Kosovara

massimo

Europee, presentata la ricandidatura di Borchia (Lega): «Questa è un’Europa che va ripensata, cambiata»

massimo

Legnago, domenica Tosi presenta la lista di Forza Italia per le Comunali

massimo