7.7 C
Verona
31 Ottobre 2020
In evidenza Manifestazioni ultimaora

Inaugurata dal sindaco Sboarina “Verona in Love-Dolcemente in Love”

Inaugurata oggi dal sindaco di Verona, Federico Sboarina, l’edizione 2018 di “Verona in Love-Dolcemente in Love”, in programma fino a domenica prossima.

«Ogni mattina mi alzo ringraziando Shakespeare per aver scelto di ambientare la storia di Romeo e Giulietta proprio a Verona – ha detto il sindaco in tono scherzoso -. La nostra città ha eccellenze indiscusse come l’Arena, ma è indubbiamente il mito della drammatica storia tra i due giovani innamorati a renderla famosa a livello internazionale. L’obiettivo, è farne un brand per una più ampia promozione della città, legato non solo a Verona in Love, con iniziative culturali e percorsi museali durante tutto l’anno, in risposta anche al numero di turisti in costante aumento».

Al taglio del nastro è seguito il primo annullo postale dedicato all’evento, timbro che il sindaco ha posto su una cartolina romantica, spedita poi dall’infopoint di Poste Italiane in piazza dei Signori.

Due le coppie che hanno scelto Verona, nel giorno di San Valentino, per promettersi eterno amore. Franco e Susanna, rispettivamente di 56 e 52 anni, sono arrivati apposta da Pesaro per sposarsi nella Cappella dei Notai. Come espressamente richiesto, l’unione civile è stata celebrata dal primo cittadino.

La Tomba di Giulietta è stata invece la cornice del secondo matrimonio della giornata, che ha unito due giovani sui trent’anni. Entrambe le unioni si inseriscono nel progetto comunale “Sposami a Verona”.

Articoli Correlati

Bovolone, il nuovo assessore è Maria Teresa Burato

massimo

Calcio Serie C, tutti negativi al Covid i giocatori del Legnago

massimo

Bertucco (Sinistra): «Il sindaco in piazza coi commercianti e il giorno dopo gli manda le cartelle della Tari»

massimo

Verona, sit-in di una giovane mussulmana contro Macron

massimo

Emergenza Covid, a Verona 324 nuovi casi positivi e 179 ricoverati

massimo

Zaia: «Residenze Covid negli ex ospedali di Bovolone, Isola della Scala e Zevio»

massimo