15.5 C
Verona
19 Maggio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Incendio alla Coati, dal vertice di oggi tra Comuni e agenzie per l’ambiente dati rassicuranti sull’aria. Sotto controllo la falda

Prosegue la collaborazione tra i due Comuni di Negrar e Verona interessati dall’incendio dell’azienda Coati lo scorso febbraio. Questa mattina in municipio a Negrar di Valpolicella il sindaco Roberto Grison, l’assessore comunale all’ambiente del Comune di Verona, Tommaso Ferrari, e la presidente della 2^ Circoscrizione del capoluogo scaligero, Elisa Dalle Pezze, hanno fatto il punto sulla situazione ambientale insieme agli uffici comunali Ambiente dei due Comuni, ad Acque Veronesi, Arpav, Ulss 9 Scaligera, e al geologo incaricato dal Comune valpolicellese.

Nello specifico, si è proceduto all’analisi della situazione riferita ad acque e falde, con l’esame dei dati aggiornati alla data odierna, e la programmazione e definizione della frequenza degli interventi di monitoraggio delle acque superficiali e profonde. Questo anche perché i dati dell’aria registrati da Arpav sono sempre più rassicuranti: già il 17,18,19 gennaio, ad una settimana dall’incendio scoppiato il 9 gennaio con i roghi continuati per giorni, i valori delle Pm10 registrati all’isola ecologica di Arbizzano era nella norma e inferiori a quelli delle centraline del Giasol a Verona.

«Istituzioni ed enti stanno collaborando con continuità ed impegno mettendo sempre al centro la sicurezza dei cittadini – dichiara il sindaco Grison -. Da questo punto di vista è importante prendere atto oggi che i dati fin qui acquisiti dagli enti sono rassicuranti e non rilevano situazioni di pericolosità. Nell’incontro odierno si è stabilito che i monitoraggi proseguiranno con cadenza settimanale nei pozzi e nei piezometri, allo scopo di tenere monitorata la potabilità dell’acqua, nonché ricercare la presenza di eventuali sostanze inquinanti che potrebbero essere presenti in seguito all’incendio».

La frequenza stabilita dal coordinamento deriva dalla verifica già effettuata sulla direzione e velocità della falda. Ad oggi, gli enti tecnici preposti confermano che tutti i valori rientrano nei parametri, ma i controlli preventivi hanno proprio lo scopo di acquisire costantemente informazioni che consentano, in caso di eventuale presenza di inquinanti, di anticipare un potenziale stato di emergenza. Proprio al fine di mantenere un contatto continuo con la cittadinanza e i residenti nelle aree limitrofe all’area interessata dall’incendio, i due Comuni hanno anche concordato con Acque Veronesi e con ARPAV un piano per la comunicazione dei dati alla cittadinanza, per quanto riguarda le analisi sia dell’acqua che dell’aria.

Infine, sul lato della necessità di bonifica del luogo, lo scorso lunedì 27 febbraio la proprietà dell’azienda Coati insieme ad ARPAV e SPISAL ha potuto campionare i materiali presenti nell’area, per i quali si attendono i risultati per la prossima settimana. Tale attività, e i risultati che ne deriveranno, è fondamentale e propedeutica per programmare le operazioni di bonifica che partiranno ad avvenuto dissequestro dell’area da parte dell’autorità giudiziaria.

Condividi con:

Articoli Correlati

Bussolengo, il tour sulla sicurezza nella scuola della Regione arriva all’istituto Marie Curie

massimo

Verona, incontro sul tema della diffamazione online

massimo

Soave, dalle cantine le bottiglie di Recioto per la messa di Papa Francesco a Verona

massimo

Verona, oltre 2400 fotografi in gara da tutt’Italia al “The Photo Show”

massimo

Legnago, domani e domenica la mostra di pittura di Monica Saggioro alla Cascina del Parco

massimo

Maltempo, il Guà rompe gli argini e allaga i campi del Basso ed Veronese. La Cia: «Da anni gli agricoltori denunciano il pericolo»

massimo