5.3 C
Verona
4 Dicembre 2021
Basso Veronese Cronaca Cronaca Cronaca Est Veronese In evidenza ultimaora

Inquinamento, le Mamme No Pfas scrivono al ministro Cingolani: «Chiediamo limiti Zero»

«Gentile ministro Roberto Cingolani, siamo le Mamme No Pfas del Veneto e scriviamo per darle il benvenuto, desiderose di vedere messe in pratica le tanto attese promesse fatte dal suo predecessore». Inizia così la lettera spedita oggi dal Comitato delle Mamme No Pfas del Veneto al neo ministro della Transizione Ecologica per chiedere «limiti zero» per i Pfas, le sostanze perfluorolachiliche che sono all’orgine della contaminazione avvenuta nelle falde di gran parte della regione con gravi conseguenze sulla salute dei cittadini che in quelle aree vivono.

«Abbiamo ascoltato con piacere in questi giorni le sue dichiarazioni e le sue posizioni relativamente alle tematiche ambientali e ci auspichiamo che il suo coraggio si tramuti in realtà. Chiediamo, a nome di tutte le mamme d’Italia, limiti “Zero Pfas per le acque di scarico delle aziende – continua la lettera -. Il Collegato ambientale in proposta di Legge che dovrebbe regolamentare tali sostanze ponendo limiti nazionali restrittivi non si avvicina nemmeno lontanamente a tale obiettivo».

«Vogliamo portare alla sua attenzione il fatto che le sostanze perfluoroalchiliche si bioaccumulano e sono persistenti, tossiche, interferenti endocrini, cancerogene, creano infertilità e abbassano le difese immunitarie. E questo non lo diciamo noi Mamme, ma lo sostengono molti studi nazionali, internazionali e anche Ispra – ribadiscono le Mamme No Pfas -. Dalle analisi del sangue risulta che tali sostanze sono presenti nel sangue dei nostri figli: per gli interessi di pochi è a rischio la salute di molti».

«Noi siamo mamme ed è insito nella nostra natura proteggere i nostri figli, questa è la nostra lotta e la nostra responsabilità: non ci arrenderemo mai – concludono -. Come saprà, con il suo predecessore, Costa, abbiamo partecipato ad un Tavolo Tecnico con gli stakeholders sulla fissazione dei Limiti Nazionali per le sostanze Pfas al fine di migliorare la bozza del Collegato ambientale. Ci auguriamo che tale dialogo prosegua anche sotto la sua Direzione. La ringraziamo per l’attenzione che vorrà dedicarci e l’aspettiamo quanto prima in Veneto per venire a far visita alla popolazione più inquinata al mondo da Pfas».

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, attimi di terrore per un ragazzino di 14 anni caduto in Adige: salvato dai Vigili del fuoco

massimo

Castion Veronese, escono di strada con l’auto: 4 feriti di cui due gravi

massimo

Covid, primo caso di variante Omicron in Veneto: un vicentino tornato dal Sud Africa

massimo

Nogara, per Veneto Spettacoli di mistero la rievocazione “I guerrieri dell’Olmo nella Valle del Tartaro”

massimo

Lotta al Covid, da lunedì Green pass obbligatorio per viaggiare in autobus

massimo

Legnago, da oggi possibile disperdere le ceneri dei propri cari nel fiume Adige

massimo