12.1 C
Verona
2 Marzo 2024
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Isola della Scala, 23enne arrestato per furto, danneggiamenti e resistenza a pubblico ufficiale

Ieri notte, giovedì 25 gennaio, i carabinieri di Bovolone hanno arrestato un 23enne di origini marocchine per resistenza e violenza a pubblico ufficiale, furto aggravato e danneggiamento.

Tutto ha avuto inizio intorno alle quattro del mattino, quando è giunta alla Centrale Operativa dei Carabinieri una telefonata con richiesta d’intervento in un bar situato nella via principale di Isola della Scala, dove un cittadino, svegliato da forti rumori, si è accorto che un gruppo formato da almeno da 4 persone aveva infranto la vetrata di un bar introducendosi all’interno. Giunti sul posto in maniera tempestiva, i militari accertavano che era stato effettivamente appena consumato un furto e che gli autori erano riusciti a portar via dal locale il registratore di cassa e numerose bottiglie di alcolici. Scattavano immediatamente le ricerche dei responsabili da parte di tutte le pattuglie in quel momento impegnate in servizi di controllo del territorio.

È stato così che militari della vicina Stazione di Bovolone si sono accorti che era stata divelta la porta a vetri della sala d’attesa della Stazione ferroviaria di Isola della Scala, in quel momento chiusa al pubblico ed hanno fatto irruzione all’interno trovando 4 soggetti che tentavano di forzare il registratore di cassa rubato nel bar. Alla vista dei militari i malfattori si davano alla fuga ma uno di questi – a conclusione di un breve inseguimento a piedi e di una colluttazione – un 23enne di origini marocchine veniva bloccato e ammanettato nonostante la sua energica resistenza. All’interno della sala d’attesa della Stazione venivano dunque recuperati e riconsegnati al proprietario del bar il registratore di cassa contenente l’incasso del giorno precedente e alcune bottiglie di alcolici (altre erano state già consumate). Il marocchino veniva quindi arrestato e, dopo le formalità di rito, trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Villafranca di Verona, in attesa della celebrazione del rito direttissimo, svoltosi nella mattinata odierna presso il Tribunale di Verona e conclusosi con la convalida dell’arresto e la sottoposizione dell’obbligo di presentazione alla P.G. in attesa del processo.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, Progetto Fuoco chiude con 45mila operatori professionali nei padiglioni (+12% estero)

massimo

Lavagno, il farmacista Vanzan candidato a sindaco unitario per il centrodestra

massimo

San Bonifacio, sorpreso in uno stabile abbandonato con della refurtiva, minaccia i Carabinieri con un coltello

massimo

Legnago, l’onorevole Maschio impone Longhi come candidato e il centrodestra si spacca

massimo

Isola della Scala, lettera aperta di Canazza al consiglio comunale: «Sulla piazza accogliamo all’unanimità la richiesta di un referendum»

massimo

Valeggio sul Mincio, piove in classe al Carnacina e gli studenti scioperano appoggiati da genitori e insegnanti

massimo