5.3 C
Verona
29 Novembre 2022
In evidenza Politica ultimaora Verona provincia

La candidata Lavarini, al centro dello scontro vescovo-Fasani: «Prego Dio per don Bruno»

lavarinim02

«Da quanto ha sentenziato monsignor Bruno Fasani nella trasmissione “Diretta Verona”, mi sono sentita profondamente offesa nella mia dignità di persona e di cattolica praticante, che ama vivere il Vangelo nel quotidiano. In questa circostanza mi viene a mente il Vangelo di Matteo “non giudicate e non sarete giudicati; perdonate e sarete perdonati; con la misura con cui misurate gli altri sarete misurati anche voi da Dio”».

Lo afferma con una nota Monica Lavarini, la candidata della Lista Zaia che ieri sera è stata al centro dello scontro televisivo su TeleArena tra monsignor Fasani ed il vescovo Zenti. «Prego molto Dio ed in particolare prego Dio per monsignor Fasani, perché riacquisti quella misericordia pastorale, tanto raccomandata da Papa Francesco, che don Fasani non ha dimostrato ieri sera durante la trasmissione nei miei confronti, come donna e candidata nella Lista Zaia». «Una donna – continua Lavarini – che crede nei grandi valori, espressi nel mio programma, cardini della dottrina sociale della Chiesa: la dignità della persona umana a partire da chi è disabile, il bene comune, la solidarietà e la sussidiarietà nei confronti delle famiglie in difficoltà e di quelle che intendono avvalersi della scuola paritaria per libera scelta educativa. Chi mi vota stia certo che non lo deluderò. Mi batterò con tutte le mia forze per questi valori». [Per il video integrale, si veda qui]

Condividi con:

Articoli Correlati

Cologna Veneta, vinto un premio da 20 mila euro al 10eLotto

massimo

Verona, sette persone all’ospedale, di cui 4 gravi, per un incidente tra più auto

massimo

Bovolone, 86enne investito da un’auto: è gravissimo

massimo

Verona, grazie ad Adiconsum recupera 4500 euro sottrattigli con una truffa bancaria via sms

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Nogara, al Teatro Comunale in scena “Come respirare. Storie di ordinaria violenza” sul tema della violenza di genere

massimo