27.2 C
Verona
14 Aprile 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Lago di Garda, studenti sul “Battello della speranza” per la Giornata mondiale dell’acqua invitano il Papa nel 2026

È salpato ieri, giovedì 21 marzo, da Peschiera del Garda arrivando fino alla sponda bresciana di Desenzano, “Il battello della speranza”. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con il Comune di Bardolino, è stata promossa da Frantz Kourdebakir, educatore, insegnante di religione e ideatore del progetto didattico “Guardani del Benaco”, che negli anni ha coinvolto decine di scuole dei paesi lacustri per sensibilizzare su nuovi stili di vita, sulla scia delle encicliche di papa Francesco, Laudato Si’ e Fratelli Tutti, e dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile.
Decine di studenti di Bardolino, Brenzone, Cavaion, Castelnuovo, Sandrà, Valeggio sul Mincio, Lonato, Desenzano e Arco hanno aderito all’invito. Accompagnati dagli insegnanti, sono saliti sul battello per un’uscita all’insegna della cura dell’ambiente e delle risorse della Terra, in particolare quelle idriche. Ad allietare la mattinata, c’erano il Coro trentino “Cima Tosa”, all’arpa il giovane musicista Kevin Frasson di Borgo Virgilio (Mn), e Franco Farina, artista che ha interpretato dei brani tratti dal Cantico delle Creature, Viaggio in Italia di Goethe e dei passi danteschi.
«In occasione della Giornata mondiale dell’acqua, abbiamo proposto questa prima uscita, che ha avuto come slogan “Siamo tutti sulla stessa barca” – spiega il promotore –. Gli studenti delle scuole primarie, medie e superiori hanno partecipato con entusiasmo a questa proposta, che nasce da altre esperienze, come la “Luce della Speranza”, realizzate nelle scuole negli anni scorsi. Il loro messaggio a noi adulti è stato chiaro: che mondo volete lasciarci? Ci siamo quindi impegnati alla ricerca del bene comune, per passare dall’io al noi, e di stili di vita più sostenibili, rendendo i giovani protagonisti, aiutandoli a coltivare la speranza».
Ad avvallare questa iniziativa, c’erano diverse autorità. Religiose, con la presenza dei quattro vicari generali delle Diocesi di Verona (mons. Osvaldo Checchini), Mantova (don Alberto Formigoni), Brescia (mons. Gaetano Fontana) e Trento (don Claudio Ferrari). Erano presenti anche il rabbino di Verona Tomer Corinaldi, l’imam di Verona Mohamed Guerfi e don Luca Merlo, direttore dell’Ufficio ecumenismo e dialogo interreligioso della Diocesi di Verona. Ed erano presenti diversi amministratori locali, con capofila il sindaco di Bardolino, Lauro Sabaini.

Sul battello è stata presentata una lettera indirizzata a papa Francesco e sottoscritta dall’on. Gelmini, dai sindaci del lago di Garda, dai dirigenti delle scuole coinvolte e dai quattro vescovi delle Diocesi di Verona, Brescia, Mantova e Trento, che verrà consegnata al Santo Padre nella sua visita a Verona del prossimo 18 maggio. «È un invito a Sua Santità a visitare il nostro lago di Garda nel 2026, ottavo centenario dalla morte di San Francesco: ci auguriamo che risponda di sì», conclude Kourdebakir.

Condividi con:

Articoli Correlati

Europee, Borchia (Lega): «Onorato per candidatura, viaggio continua con serietà, idee, presenza territorio»

massimo

Ciclismo, Magagnotti regala la prima vittoria stagionale al team Autozai Contri

massimo

Verona, domani apre il 56° Vinitaly con 4 mila cantine presenti in fiera

massimo

San Bonifacio, è Antonio Verona il candidato a sindaco della Lista Provoli

massimo

Verona, ampia partecipazione al presidio in piazza Cittadella per lo sciopero dei settori privati

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco