22.1 C
Verona
16 Luglio 2024
Cronaca Cronaca Est Veronese In evidenza ultimaora

L’Avis di Monteforte, San Bonifacio e Soave dona un sacco di auguri assieme a panifici, pasticcerie e pizzerie dei tre paesi

Una promozione all’insegna della semplicità e della collaborazione. Collaborazione tra le Avis Comunali di Monteforte, San Bonifacio e Soave e i panifici, le pasticcerie e pizzerie dei rispettivi paesi. La semplicità nell’oggetto della promozione, un sacchetto con gli auguri natalizi, che durante il periodo delle feste sarà riempito di pane fresco, dolci brioches o saporiti tranci di pizza.

«La necessità di continuare a promuovere il dono del sangue nelle maniere più svariate ci ha spinto quest’anno a pensare a questa iniziativa per arrivare a sensibilizzare il maggior numero di persone sulla necessità continua di sangue», spiegano i presidenti Avis, Andrea Lovatin (Monteforte), Marilena Rigodanza (San Bonifacio), Luciano Ambrosini (Soave).

Le donazioni sono tendenzialmente in linea con l’anno precedente, ma il bisogno di sangue è in continuo aumento e per raggiungere questo obiettivo c’è la necessità di incrementare il numero di donatori. Le caratteristiche richieste per poter donare sono sostanzialmente tre: la maggiore età, un peso superiore ai 50 kg e uno stato di salute buono.

«Ringraziamo tutti i commercianti che hanno aderito alla nostra iniziativa, perché con la loro disponibilità e sensibilità avremmo la possibilità di promuovere ogni giorno l’importanza del dono del sangue e augurando a tutti un sereno Natale e un buon 2024 all’insegna della solidarietà».

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, donati dagli Alpini di Novaglie tapis roulant e cyclette al reparto Fibrosi cistica di Borgo Trento

massimo

Legnago, sul Salieri cala la scure dello spoil system Longhiano: una poltrona per Shahine?

massimo

San Bonifacio, Soave ha nominato la giunta: Turri è vicesindaco

massimo

Caso caporalato nel Basso Veronese, Mirandola (Uila): «Una macchia sulla produzione agricola veronese»

massimo

Caso di caporalato nella Bassa, la Cgil: «Caporali stranieri ma le aziende sono Veronesi»

massimo

Nuovo caso di caporalato nel Basso Veronese: 33 indiani sfruttati come schiavi nella campagne da due connazionali

massimo