31.2 C
Verona
11 Agosto 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Le “Mamme No Pfas” sul caso GenX autorizzato alla Miteni: «Ora basta, la Procura sequestri l’azienda»

«Chiediamo alla Procura l’immediato e definitivo sequestro della Miteni, nonché azioni esemplari nei confronti di chi ha approvato dapprima e taciuto poi la lavorazione da parte di Miteni di residui tossici contenenti GenX, permettendole addirittura lo sversamento». Lo chiedono a gran voce le “Mamme No Pfas” che oggi dalle 16 protesteranno davanti alla Procura di Vicenza, dopo aver appreso nei giorni scorsi che Miteni è stata autorizzata da un dirigente regionale, fin dal 2014 a lavorare e sversare in acqua sostanze equivalenti ai Pfoa, denominati GenX.

«Dopo oltre un anno e mezzo di battaglie per la nostra acqua è giunto il momento di gridare a gran voce che il tempo delle attese è finito! È di questi giorni la notizia che Miteni è stata autorizzata da un dirigente regionale, fin dal 2014 a lavorare e sversare in acqua sostanze equivalenti ai Pfoa, denominati GenX, provenienti dall’Olanda. Di fronte a questa terribile ed inquietante notizia possiamo affermare con certezza che, non solo sono mancati i dovuti e necessari controlli ma, cosa ancor più grave. In piena emergenza Pfas, Miteni è stata autorizzata a lavorare questo agente contaminante chiamato GenX , utilizzato dall’industria in sostituzione dei Pfoa».

«Noi abbiamo sempre sostenuto che il disastro ambientale provocato dall’inquinamento da Pfas fosse già di per sé terribile in quanto ha avvelenato i nostri figli, ma apprendere che potrebbero essere stati autorizzati anche altri veleni ci fa infuriare, la nostra indignazione è al massimo ed ora vogliamo risposte – dicono le Mamme No Pfas -. La pazienza è finita, è giunto il tempo delle risposte che ognuno, per quanto di propria competenza, ci deve dare. Ognuno si deve prendere le proprie responsabilità».

Condividi con:

Articoli Correlati

Illasi, alla vista dei carabinieri scappa a folle velocità saltando due semafori: arrestato

massimo

Verona, al “Mura Festival” la musica dei “Joe Sanketti y Otravez”

massimo

Legnago, uomo colpito dal virus “West Nile” causato dalla puntura di zanzara infetta

massimo

Rally, il legnaghese Strabello secondo in classe 4 al “Salsomaggiore Terme”

massimo

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo