9.4 C
Verona
29 Ottobre 2020
Basso Veronese In evidenza Politica Politica ultimaora

Lega Nord, il segretario di Legnago Giarola sospeso per sei mesi

giarolal

Nell’ondata di provvedimenti disciplinari che la segreteria provinciale della Lega Nord ha emanato in questi giorni, dopo l’analisi sui risultati e l’andamento delle recenti elezioni amministrative, ce n’è anche per il segretario legnaghese del Carroccio, Luciano Giarola. Per lui, infatti, è arrivata una sospensione di 6 mesi dal movimento, come comunicato dallo stesso Giarola agli iscritti legnaghesi, riuniti ieri sera proprio con lo scopo di essere messi al corrente di questa importante novità.

Giarola, che ha preferito rispondere con un “no comment” ad una richiesta di spiegare la sua posizione, sarebbe stato colpito dal provvedimento disciplinare per via della diatriba scoppiata con Marina Meletti, segretaria leghista di Angiari, e attaccata da un volantino piuttosto velenoso durante le Comunali del giugno scorso, in virtù del suo impiego al Comune di Castagnaro.

La campagna elettorale della Lega Nord di Castagnaro, infatti, era stata coordinata dallo stesso Giarola, al quale era stata dunque opposta una sorta di “responsabilità oggettiva” per il contenuto del volantino, che assegnava a Meletti un ruolo centrale nella vicenda del possibile approdo di un impianto per lo smaltimento della pollina sul territorio castagnarese.

Meletti reagì con un posto piuttosto infuocato sul suo profilo Facebook, annunciando querela. Al momento non ci sono riscontri sulla possibilità che Meletti stessa sia stata colpita dal medesimo provvedimento disciplinare, come fatto trapelare invece dalla segreteria legnaghese.  (F.Z.)

Articoli Correlati

Nomine, scelti capigruppo e vice in consiglio regionale

massimo

Verona, incontro per riorganizzare il volontariato nell’emergenza Covid

massimo

Covid, il primario di pneumologia di Legnago addestrerà medici a Villafranca

massimo

Verona, sul web la conferenza in ateneo su “Servizi pubblici per la crescita”

massimo

Verona, protesta di ristoratori e baristi: «Siamo a terra»

massimo

Studio dell’Ateneo di Verona: Tra il 2005 e il 2015, oltre 10.000 medici e 8.000 infermieri hanno lasciato l’Italia

massimo