20.9 C
Verona
13 Luglio 2024
Basso Veronese In evidenza Politica Politica ultimaora

Legnago, Canoso si dimette da presidente della Pro Loco per entrare in consiglio comunale

 «Con la presente, il sottoscritto Cesare Canoso, attuale presidente della Proloco Legnago Aps, rassegna le sue dimissioni in seguito alla nomina a consigliere presso il Comune di Legnago».

Lo scrive Cesare Canoso sulla lettera di dimissioni, datata 24 giugno, ultimo dei due giorni del voto al Ballottaggio per il sindaco di Legnago, praticamente nello stesso momento in cui Paolo Longhi diventava sindaco e, quindi, Canoso, in lista con la Lega, consigliere comunale. Ora, Canoso era candidabile ma non eleggibile, in quanto presidente della Pro Loco aveva ricevuto fino a ieri il sostegno economico dell’amministrazione comunale. Un tipico conflitto di interessi.

Che Canoso ha risolto dimettendosi dalla Pro loco e scegliendo lo scranno di consigliere.

«Subentra al mio posto la vice presidente, Federica Lonardi, a cui seguirà la nomina del suo sostituto tramite elezione da parte del direttivo – continua nella lettera Canoso -. Ringrazio per la fiducia che mi è stata concessa finora, facendo presente che da parte mia in questi anni ho dato la massima disponibilità a tutti coloro con i quali ho avuto il piacere di collaborare, in primis i componenti del direttivo e i volontari della Proloco Legnago Aps che mi hanno affiancato in tutto questo tempo».

Condividi con:

Articoli Correlati

Albaredo d’Adige, scomparso l’ex sindaco Erminio Guzzo: fu l’ultimo della Dc

massimo

Verona, un morto sulla Serenissima questa notte nello scontro tra due auto

massimo

Verona, festa della Cgil venerdì sabato e domenica nell’area verde davanti alle Piscine Santini

massimo

Legnago, scintille tra Ambrosini e il neosindaco Longhi nel primo consiglio della nuova amministrazione

massimo

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, qui sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Ciclismo, Magagnotti (Autozai Contri) è campione europeo nell’inseguimento a squadre

massimo