9.6 C
Verona
18 Maggio 2021
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Legnago, decollati i lavori da 5 milioni di euro per la ristrutturazione del ponte Limoni

«Questa prima pietra simboleggia lo sforzo importante che la Regione sta portando avanti con le manutenzioni straordinarie su ponti e gallerie. Dal 2018 il Veneto ha stanziato oltre 30 milioni di euro per la messa in sicurezza della rete viabilistica. Questo intervento, che non sarà ultimo, dimostra ancora una volta come tramite Veneto Strade Spa continuiamo a presidiare la circolazione viaria per migliorare la qualità del servizio ai cittadini».

Con queste parole la vicepresidente e assessore regionale alle infrastrutture e trasporti, Elisa De Berti, ha dato il via oggi, lunedì 26 aprile, con la posa della prima pietra ai lavori di ristrutturazione del ponte “Dino Limoni” a Legnago. Presenti alla cerimonia il presidente della Provincia di Verona, Manuel Scalzotto, il sindaco di Legnago, Graziano Lorenzetti, ed il direttore generale di Veneto Strade, Silvano Vernizzi.

Il progetto di riqualificazione del ponte Limoni, infrastruttura realizzata negli anni Ottanta che unisce le due rive dell’Adige, consentendo alla Strada Regionale 10 di collegare il Basso Veronese con la provincia di Padova e il Vicentino, prevede due fasi di intervento per un importo complessivo dei lavori pari a 5 milioni e 500 mila euro. Oggi è stato dato il via alla prima fase (3 milioni e 500 mila euro) con cui Veneto Strade eseguirà le opere in grado di garantire la sicurezza del ponte, rinviando ad una fase successiva la progettazione ed esecuzione di interventi di miglioramento sismico. Nel primo stralcio, quindi, sono previsti il rifacimento della pavimentazione, dei giunti di dilatazione e delle opere di scarico delle acque piovane, il ripristino e riparazione delle parti maggiormente degradate, la sostituzione delle barriere di bordo ponte e il rifacimento del cordolo di ancoraggio delle stesse all’impalcato.

«A lavori ultimati – ha aggiunto la vicepresidente De Berti – il ponte Limoni verrà dotato di un sistema di monitoraggio permanente in fibra ottica, con lo scopo di rilevare in tempo reale eventuali anomalie sul comportamento statico dell’opera. Questo sistema, inoltre, sarà in grado di misurare costantemente il peso dei mezzi che attraverseranno il ponte, raccogliendo tutte le informazioni utili sul carico indotto dal traffico. Tutto ciò a favore di una gestione e pianificazione più intelligente degli interventi da attuare, ovvero man mano che risultino necessari sulla rete stradale».

La prima fase dei lavori cominciata oggi si concluderà entro il mese di gennaio 2022, compatibilmente con le condizioni climatiche e di traffico. Il ponte non verrà mai chiuso alla circolazione delle auto. Vi sarà un restringimento di carreggiata, ma verrà sempre garantita una corsia per senso di marcia.

Condividi con:

Articoli Correlati

Lazise, arrestati dalla Squadra Mobile di Verona con 5,5 chili di cocaina nel vano motore dell’auto

massimo

Verona, arrestati con 170 grammi di eroina: erano già ai domiciliari

massimo

Legnago, il Comune sigla un accordo con “Plastic Free” per la tutela dell’ambiente

massimo

Isola della Scala, è il cugino del calciatore Meggiorini la vittima dell’incidente di sabato a Lazise

massimo

Ciclismo, Lonardi dell’ Autozai Petrucci Contri secondo a Sacile

massimo

Lazise, si ribaltano con l’auto: un morto e un ferito grave

massimo