30.5 C
Verona
10 Agosto 2022
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Legnago, dura lettera del presidente Gomiero: «Mortificata dal sindaco la professoressa Ferrari»

È scoppiato il caso Salieri a Legnago. Una lunga lettera inviata il 19 febbraio dal presidente della Fondazione del Teatro Salieri, Stefano Gomiero, al sindaco Graziano Lorenzetti, agli assessori ed ai consiglieri comunali ha aperto oggi una dura polemica politica su come l’amministrazione comunale di Legnago a trazione leghista intenda sostenere lo storico teatro della città.

«La professoressa Ferrari veniva, incomprensibilmente, mortificata con espressioni dai toni altezzosi e canzonatori indistintamente utilizzate dal segretario comunale e dal sindaco, del tipo “Chi vi credete di essere? Cosa pretendete? Nel 2020 non avete fatto nulla e quindi non vi daremo nulla!”». È quanto scrive l’avvocato Gomiero nella sua lettera nella quale ha voluto rendere pubblico quanto accaduto il 17 febbraio. «Intendo riportare a questo consesso quanto occorso alla professoressa Ferrari che trovo altamente offensivo del ruolo e della personalità della stessa – si apre infatti la missiva del presidente della Fondazione -. La medisima, infatti, a seguito del Consiglio di indirizzo del 15 febbraio, durante il quale il nuovo direttore artistico Marco Vinco aveva avuto modo di illustrare la situazione patrimoniale della Fondazione Salieri e di sottolineare il mancato versamento dio 135 mila euro da parte del Comune di Legnago. faceva visita al segretario comunale ed alla dottoressa Mirandola per comprendere quale fosso la somma effettivamente messa a bilancio del Comune e quindi stanziata per l’annualità 2020».

E qui scoppia il caso con il sindaco Lorenzetti ed lo stesso segretario comunale che, a stare alla lettera di Gomiero, «Dopo una lunga attesa, la professore Ferrari, all’evidenza colpevole di aver chiesto ragguagli in merito al contributo d’appannaggio del Comune, socio di maggioranza della Fondazione, veniva, incomprensibilmente, mortificata con espressioni e toni altezzosi e, financo, canzonatori. La sintesi della “conviviale reprimenda” – scrive il presidente – è riassunta dalle seguenti espressioni, indistintamente utilizzate dal segretario comunale e dal sindaco, alla presenza della dottoressa Mirandola: “Chi vi credete di essere? Cosa pretendete? Avete rifiutato il patrocinio ad un evento internazionale che farà parlare il mondo intero di Legnago! Nel 2020 non avete fatto nulla e quindi non vi daremo nulla! Ci avete messo un anno a firmare la convenzione di utilizzo del teatro, non vi facciamo pagare l’affitto, cosa volete di più?”. Incredula per il trattamento ricevuto, la stessa cercava di riportare la conversazione alla normalità, ricordando al sindaco le innumerevoli dichiarazioni rilasciate alla stampa in ordine al contributo 2020 a favore della Fondazione Salieri, personalmente ribadite da quest’ultimo al consiglio di indirizzo del 4 agosto 2020».

«Nonostante ciò – continua la lettera – la professoressa Ferrari veniva liquidata con poche parole, inequivoche sul fatto che il Comune non sarebbe intenzionato a riconoscere alcunché al Salieri per l’anno 202. Addirittura il sindaco accompagnava l’affermazione con un icastico gesto: ossia, un doppio 0, riprodotto con il pollice e l’indice di entrambe le mani. Così stando le cose, nella mia veste di presidente della Fondazione Salieri, non posso non stigmatizzare quanto occorso alla professoressa Ferrari, ricordando che la medesima, oltre ad essere vicepresidente della Fondazione, siede all’interno dello stesso consiglio proprio su indicazione di questa amministrazione».

«A fronte di tale situazione – conclude Gomiero – chiedo le vostre pubbliche scuse alla professoressa Ferrari, congiunte ad un concreto e formale intervento in relazione ai contributi 2020-2021, atto a confermare il vostro sincero interesse per il teatro. Nell’eventualità in cui questa mia dovesse rimanere inevasa, non esiterò a convocare il consiglio di indirizzo della Fondazione Salieri, per ivi rassegnare le mie dimissioni che, allo stato, risultano irrevocabili».

Qui la lettera completa del presidente Gomiero:

Lettera Presidente Gomiero_Sindaco Comune Legnago 2021 (1)

Condividi con:

Articoli Correlati

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo

Finanza, “Banche Venete Riunite” chiude la semestrale con l’utile a 5,1 milioni. Iselle nuovo direttore generale

massimo

Politiche 2022, ““+Europa Verona”: «Calenda non rispetta i patti, per questo abbiamo rotto con lui»

massimo

S. Bonifacio, ventenne segregata per giorni in un capannone abbandonato: fugge e fa arrestare l’aguzzino

massimo

Trasporti, l’europarlamentare veronese Borchia (Lega) attacca sulle nuove restrizioni al traffico al Brennero

massimo