3.4 C
Verona
8 Dicembre 2022
Basso Veronese In evidenza Politica Politica ultimaora

Legnago, “Fare!” sul caso Sordo: «Quella dei dissidenti è una vittoria di Pirro»

 

legnago-municipio

Anche i tosiani di Legnago vanno all’attacco del centrosinistra, dopo l’uscita di scena dell’assessore al sociale Francesca Sordo (Pd), e l’annunciato rimpasto di giunta, che vedrà fare il suo ingresso nella squadra del sindaco Clara Scapin di un rappresentante (quasi certamente Simone Pernechele, attuale presidente del consiglio comunale) dei cosiddetti dissidenti.

Per Paolo Castagna, uno dei referenti del neonato movimento che fa capo al sindaco di Verona, ad uscire paradossalmente rafforzato dagli ultimi eventi è proprio colui che si è invece cercato di indebolire, ossia il vicesindaco (oramai ex?) Claudio Marconi: «Complimenti ai dissidenti per la vittoria di Pirro che hanno ottenuto. Volevano far fuori Marconi, e invece è ancora lì, e continuerà a fare il sindaco-ombra e l’assessore-ombra al sociale. In più, stando alle anticipazioni di stampa, andrà a guidare un assessorato ancora più pesante e di visibilità. Se questo si chiama depotenziarlo, allora mi sa che Soffiati ha fatto male i suoi conti…»  (F.Z.).

Condividi con:

Articoli Correlati

Cerea, con la moto contro un’auto: un ferito grave a San Vito

massimo

S.Bonifacio, l’ex ospedale passerà al Comune che darò all’Ulss il terreno per la Casa della Comunità

massimo

Legnago, oltre 80 imprenditori alla serata organizzata dall’europarlamentare Borchia sule politiche Ue per l’energia

massimo

Verona, incidente tra due auto in corso Cavour con un ferito grave

massimo

Sona, finisce con l’auto contro un albero: è in gravi condizioni

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco