22.3 C
Verona
15 Agosto 2022
Basso Veronese In evidenza Politica Politica ultimaora

Legnago, Giorgio Soffiati è uscito dal Pd. Negli anni ’80 fu sindaco Pci

soffiatig

Giorgio Soffiati, uno dei padri nobili del Partito Democratico legnaghese, ha rassegnato sabato le sue dimissioni dal Pd, restituendo la tessera al circolo di Legnago. «Lascio perché non mi riconosco più nelle scelte politiche fatte a livello nazionale e perché a livello locale voglio evitare inutili strumentalizzazioni sulla mia persona», spiega Soffiati, facendo chiaramente capire di non voler aver più a che fare con le beghe e lo scontro in atto nella maggioranza consigliare a Legnago in queste settimane.

«Secondo me nessuno vuol far cadere la giunta – continua quello che dopo Giuseppe Masin fu negli anni ‘80 il secondo sindaco del Pci a Legnago, e tra i primi in Italia ad attuare il compromesso storico, amministrando allora assieme alla Democrazia Cristiana -. Quello che i consiglieri chiedono è che quest’amministrazione mantenga le promesse per le quali è stata eletta. Prima fra tutte quella di abbassare le tasse a chi sta soffrendo per una crisi ancora pesante. E poi per far tornare i cittadini proprietari del Comune, e non viceversa come è stato negli ultimi anni».

Condividi con:

Articoli Correlati

Olivicoltura, video dell’Aipo: olive entrate nella fase di inolizione

massimo

Sanità, la Cgil denuncia: «La diagnostica biologica del Centro trasfusionale di Bussolengo spostata a Borgo Roma»

massimo

Verona, al “Mura Festival” il reggae dei “Niu Tennici in Roots of San Bernardin”

massimo

Zaia ricorda Augusto Salvadori: «Un veneziano innamorato fino in fondo della sua città»

massimo

San Giovanni Ilarione, arrestato il 61enne: era tornato a casa pistola in pugno

massimo

San Giovanni Ilarione, il pensionato che ha sparato all’ex moglie senza colpirla è in fuga armato

massimo