9.5 C
Verona
23 Febbraio 2024
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Legnago, giovane moldava morta: si pensa ad un omicidio passionale

Carabinieri02

I carabinieri di Legnago hanno fermato già stamattina un marocchino di 45 anni residente a Gazzo Veronese per la morte, in circostanze ancora tutte da chiarire, all’alba di oggi all’ospedale di Legnago di una 31enne moldava. La donna, che viveva a Legnago con la madre e lavorava come bracciante in un’azienda agricola della zona, era stata ricoverata in condizioni disperate questa notte. Il marocchino fermato la frequentava da tempo ma non è stato ancora chiarito se fossero fidanzati.

L’uomo, fermato subito dopo il ricovero della donna in ospedale, ha raccontato che la ragazza si è gettata dall’auto in corsa ed in questo modo avrebbe riportato ferite gravissime alla testa. Ed è stato lui stesso a dare l’allarme chiedendo soccorso ad un’ambulanza.

Gli investigatori, guidati dal capitano Lucio De Angelis comandante della Compagnia dei Carabinieri di Legnago, stanno procedendo con gli accertamenti ed i rilievi sull’auto dove viaggiava la donna. Le ipotesi più accreditate rimangono quelle dell’omicidio passionale o della lite tra fidanzati e l’uomo continua ad essere sentito perché dalla sua versione sarebbero emerse alcune incongruenze su quanto avvenuto questa notte tra i due.

 

 

.

Condividi con:

Articoli Correlati

Salute, all’ospedale di Negrar il simposio mondiale sui trattamenti radioterapici di ultra precisione tramite Unity

massimo

Verona, domani sit-in in piazza Bra per la Pace in Palestina e Ucraina

massimo

Sanità, l’Oncologia dell’Azienda ospedaliera di Verona protagonista di un nuovo farmaco contro il tumore al pancreas

massimo

Villafranca, i sindacati proclamano lo stato di agitazione alla casa di riposo 

massimo

Verona, 8 arresti per associazione per delinquere, violenza sessuale aggravata, sfruttamento della prostituzione, detenzione di armi clandestine e truffa

massimo

Bardolino, il 29 febbraio (unica data in Veneto) Paolo Belli porta al teatro Corallo il suo “Pur di far Commedia”

massimo