28.7 C
Verona
13 Agosto 2022
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Legnago, i vertici di Deltafina e Agritab in municipio: 7.000 euro all’ospedale per la lotta al Covid

Il presidente di Deltafina, Domenico Cardinali, e Franco Bozzolin, titolare di Agritab di Cerea, sono stati ricevuti oggi in municipio a Legnago dal sindaco Graziano Lorenzetti, assieme ai membri del consiglio di amministrazione dell’azienda Umbra, leader nella trasformazione di tabacco e parte del gruppo multinazionale Universal Leaf Tobacco Company, che durante il lockdown dello scorso anno ha donato 7.000 euro al Mater Salutis di Legnago per l’acquisto di dispositivi e apparecchiature mediche con cui affrontare l’emergenza Covid.

«Ringrazio a nome di tutta la cittadinanza l’azienda per aver supportato il nostro ospedale durante la pandemia – ha commentato il primo cittadino -. Oggi Deltafina ha chiesto la nostra collaborazione per poter vaccinare e mettere in sicurezza i circa 400 lavoratori agricoli che operano nelle campagne del Basso Veronese e ci siamo subito attivati per agevolare la procedura».

«Siamo in visita a Legnago perché dopo 17 mesi di impossibilità a viaggiare, riteniamo fosse d’obbligo venire in questa zona, che è una tra le tre più importanti della tabacchicoltura italiana – ha detto Cardinali, leader di Deltafina -. La produzione veneta, concentrata nel Basso Veronese, rappresenta un’eccellenza qualitativa del tabacco italiano che noi acquistiamo da diverse decine di produttori riuniti nelle associazioni Opit e Italtab e che trasformiamo nei nostri stabilimenti di Bastia Umbra e di Francolise (Ce). Per noi quest’area è fondamentale ed è per questo che durante il lockdown abbiamo garantito sia la sicurezza dei lavoratori, acquistando e distribuendo dispositivi di protezione individuale, sia il sostentamento dei produttori garantendo un importante contributo ad ettaro per produttore nonostante le chiusure forzate. Vogliamo proseguire con questa strategia favorendo la vaccinazione di tutti gli operatori agricoli che lavorano per le nostre aziende sia direttamente che tramite le cooperative di servizi agricoli».

Condividi con:

Articoli Correlati

Olivicoltura, video dell’Aipo: olive entrate nella fase di inolizione

massimo

Sanità, la Cgil denuncia: «La diagnostica biologica del Centro trasfusionale di Bussolengo spostata a Borgo Roma»

massimo

Verona, al “Mura Festival” il reggae dei “Niu Tennici in Roots of San Bernardin”

massimo

Zaia ricorda Augusto Salvadori: «Un veneziano innamorato fino in fondo della sua città»

massimo

San Giovanni Ilarione, arrestato il 61enne: era tornato a casa pistola in pugno

massimo

San Giovanni Ilarione, il pensionato che ha sparato all’ex moglie senza colpirla è in fuga armato

massimo