2 C
Verona
9 Febbraio 2023
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Legnago, il Governo taglia i fondi alla linea ferroviaria Verona-Rovigo. D’Arienzo (Pd): «Assurdo, Toninelli faccia un viaggio su quei treni»

«Nel contratto di programma che lo Stato deve sottoscrivere con Rete Ferroviaria Italiana per la parte investimenti fino al 2021 il collegamento ferroviario tra Verona e Rovigo è stato dimenticato». A sollevare il caso è il senatore veronese del Pd, Vincenzo D’Arienzo, che sul tema ha interrogato nel corso di un’audizione alla Commissione Lavori pubblici e Trasporti del Senato, l’amministratore delegato di Rete Ferroviaria Italiana, Gentile.

«È emerso che dal parere che la Commissione Trasporti e Lavori Pubblici del Senato ha scritto nel suo testo sul contratto di programma che lo Stato deve sottoscrivere con Rete Ferroviaria Italiana per la parte investimenti fino al 2021 – spiega D’Arienzo -. L’elettrificazione del tratto ferroviario Verona-Rovigo, ovvero la parte mancante tra Cerea e Isola della Scala nonché l’eliminazione dei diversi passaggi a livello esistenti non hanno trovato nessuna collocazione. Il completamento dell’elettrificazione della linea, ancorché non risolva del tutto i problemi, consentirebbe comunque di impiegare materiale diverso, ovvero mezzi nuovi e non quelli a gasolio attualmente in uso».

«Ad una mia domanda su cosa ne pensava di valorizzare alcuni interventi, Gentila ha chiaramente detto che “il Parlamento può inserire le priorità che ritiene, noi eseguiamo”. Pur non essendoci ovviamente bisogno di questa chiarificazione, in ogni caso forte di questo imput, quando si è trattato di votare il parere, ho proposto di inserire una priorità, ovvero la “condizione” di predisporre mirati interventi di potenziamento e ammodernamento a risoluzione dei tanti problemi evidenziati sulla tratta Verona – Rovigo per la quale occorre completare l’elettrificazione” – continua D’Arienzo -. È stato in quel momento che la maggioranza gialloverde, prima non ha accolto la mia proposta, poi l’ha declassata tra le “osservazioni” con una blanda formulazione: «si valuti la possibilità di procedere con lo studio di fattibilità per l’elettrificazione della tratta Cerea – Isola della Scala».

«Lo studio è chiaramente una stupidata, ma quella formulazione nei fatti relega l’impegno tra le “varie ed eventuali” se non addirittura nel dimenticatoio – conclude D’Arienzo -. Il risultato: a causa del Governo grilloleghista prima del 2021 nessuno metterà le mani su quel progetto. Sono sconcertato. Non è più tempo di attendere, figuriamoci per altri tre anni, almeno. Per questa ragione invito il Ministro Toninelli a recarsi con me per viaggiare sulla tratta interessata. Solo così potrà rendersi conto delle ragioni per le quali quel percorso è perennemente tra i dieci peggiori in Italia».

Condividi con:

Articoli Correlati

Formazione, 2.000 studenti hanno partecipato all Giornata internazionale sulla sicurezza in internet 

massimo

Cattolica trasferisce attività in Piemonte e la Cgil attacca: «Generali mostra il suo vero volto mettendo a rischio 90 posti di lavoro alla Insurecom»

massimo

Formazione, presentato il Piano Operativo Regionale “Persi, dispersi e ritrovati: le politiche per i giovani”

massimo

Negrar, i Carabinieri pedinano uno spacciatore fino a Montebello (Vicenza) per arrestarlo

massimo

Verona, sbloccato a Roma dal Cipess il progetto del Filobus con 6,73 milioni di euro di contributo in più

massimo

Verona, Adiconsum ottiene dall’Arbitro Bancario Finanziario il rimborso di 4.200 euro truffati ad un cittadino tramite sms

massimo