26.7 C
Verona
17 Giugno 2024
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Legnago, il sindaco Lorenzetti ribatte all’Anpi: «Non si sono accorti che il Tricolore era sul pennone più alto della città?»

«Mi dispiace constatare che al presidente dell’Anpi sia sfuggito come il Tricolore sia stato esposto il 25 aprile sul pennone più alto di Legnago, la torre dedicata ai Caduti, dove io ero presente come sindaco». È pronta la replica del sindaco di Legnago alla lettera con cui oggi, la sezione di Legnago e del Basso Veronese dell’Associazione nazionale Partigiani d’Italia, guidata da Giacomo Segantini, attaccava il primo cittadino per aver «dato una rappresentazione povera della ricorrenza con un discorso decontestualizzato, ignorando la nostra associazione nonostante indicazioni di Ministero e di Prefettura. Nemmeno il minimo dovere di imbandierare l’edificio del Comune è stato assolto. Esporre la bandiera nazionale non era un grande impegno ma non farlo ha un preciso significato politico».

«Inoltre, ricordo che è stato suonato il silenzio con l’alzabandiera e l’inno nazionale. Penso che questo signore abbia poco da insegnare agli altri, soprattutto considerando che questi personaggi pensano di avere le verità in tasca e dopo 75 anni non vogliono chiudere le ferite lasciate dalla Seconda Guerra Mondiale, e da quello che è accaduto subito dopo», ribatte altrettanto duro il sindaco Lorenzetti.

Condividi con:

Articoli Correlati

Legnago, accordo per il ballottaggio tra Longhi e Danieli dopo un mese di scontri

massimo

San Bonifacio, Soave incassa il sostegno di Fratelli d’Italia in vista del ballottaggio

massimo

Legnago, operazione contro il caporalato: due arrestati e 4 indagati

massimo

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, qui sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Verona, tenta di entrare nella casa della compagna nonostante il divieto di avvicinamento: arrestato

massimo

Casaleone, torna il weekend della Festa della Birra

massimo