15.7 C
Verona
25 Maggio 2024
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Legnago, la denuncia di una cittadina: «Topi e sporcizia in piazza della Libertà»

«Volevo denunciare la situazione di degrado che purtroppo abbiamo in alcune vie di Legnago». Inizia così l’email inviata oggi a Primo Giornale da una cittadina di Legnago, che si firma con nome e cognome. Allegando una foto di un topo morto abbandonato sul marciapiede già segnato dalla sporcizia.

«L’arteria in questione è via Della Repubblica, angolo Piazza della Libertà – scrive la cittadina -. Da alcuni giorni, esattamente da martedì 24 agosto, sul marciapiede, oltre al solito sporco dovuto ai sacchetti dell’umido lasciati senza l’apposito bidoncino che inevitabilmente macchiano il marciapiede, staziona il cadavere di ratto. Inizialmente bello lustro, adesso dopo qualche giorno, la foto l’ho fatta pochi minuti fa, piuttosto malconcio. Nessuno spazzino si è degnato di raccoglierlo».

«Noi, ogni mattina siamo costretti a pulire il muro d’angolo perché i nostri amati concittadini lo usano come latrina per i loro amici a 4 zampe, non vorrei dovermi armare di guanti e provvedere a smaltire anche questo cadavere – afferma la signora -. Vorrei fare notare che piazza Della Libertà, è una delle più belle di Legnago, con il Duomo e il Torrione, non credo che sia un spettacolo decente vedere un topo in putrefazione, senza contare che le vetrine dei negozi, sono anche sulla via Della Repubblica».

Condividi con:

Articoli Correlati

Mezzane di Sotto, l’impoverimento della biodiversità porta ad un calo di aziende agricole

massimo

VeronaFiere, inaugurata l’ottava edizione di Vapitaly, rassegna internazionale della sigaretta elettronica

massimo

Verona, maxi controllo della Polizia Locale sugli autobus Atv: in più di 100 senza biglietto

massimo

Pallacanestro, il Legnago Basket conquista la promozione in Serie D

massimo

Verona, patto educativo con al centro la sostenibilità tra l’istituto Gresner e otto realtà della provincia

massimo

I sindacato del Veneto contro la proposta del governo di privatizzare Poste Italiane

massimo