22.2 C
Verona
12 Aprile 2024
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Legnago, la Regione approva l’accordo per il MuDRi, il Museo Diffuso del Risorgimento

«La Regione Veneto supporterà il MuDRi, il Museo Diffuso del Risorgimento». Ad annunciarlo, oggi, 9 febbraio, è Filippo Rigo, consigliere regionale dell’Intergruppo Lega-Liga Veneta, presentando lo schema di accordo tra 8 Comuni del Veronese e Vicenza per la realizzazione di questo progetto ambizioso che si articola tra ville, monumenti, musei, cippi, targhe. Accordo approvato oggi dalla giunta regionale, su proposta dell’assessore regionale alla cultura, Cristiano Corazzari.

«Le vicende ei luoghi risorgimentali fanno parte del nostro patrimonio storico, culturale, letterario e oggi, con la realizzazione del MuDRi, potranno togliersi di dosso la patina leggendaria che il tempo ha posto sopra di loro e tornare ad essere vive. È stato un grande piacere per me fare da portavoce del territorio ed essere tramite nei confronti della Regione quando, nel 2021, abbiamo iniziato a pensare a questa collaborazione. Insieme ai Comuni di Legnago, Pastrengo, Peschiera del Garda, Sommacampagna, Sona, Valeggio sul Mincio, Villafranca di Verona e Vicenza, capitanati dal Comune di Castelnuovo del Garda, possiamo dire che l’importanza della nostra iniziativa è stata pienamente riconosciuta dalla Regione», spiega Rigo (nella foto).

«Il visitatore, spostandosi da un luogo all’altro, potrà godere di un’offerta culturale a 360 gradi in un territorio unico per le sue bellezze paesaggistiche, storiche ed enogastronomiche. Tutti noi, nel nostro territorio, sappiamo come tutto ci parli di storia, dai monumenti come l’ossario di Custoza, ai prodotti enogastronomici tipici. Un viaggio attraverso i nostri paesi permetterà ai turisti non solo di rivivere gli eventi del Risorgimento, ma anche di assaporare le nostre eccellenze – conclude Rigo -. La Regione ha deciso di partecipare al progetto tramite un accordo, volto a individuare e attuare le diverse iniziative insieme alle amministrazioni locali, agli istituti storici e culturali e alle tante realtà associative che si occupano proprio della conservazione e della valorizzazione della memoria risorgimentale. Questo impegno permetterà anche di far conoscere meglio quelle aree fuori da principali flussi turistici di massa, offrendo nuove potenzialità di sviluppo a un territorio che ha tantissimo da offrire».

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, ampia partecipazione al presidio in piazza Cittadella per lo sciopero dei settori privati

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Verona, conclusa la prima fase del concorso di idee per l’ex Seminario con 73 proposte

massimo

Torri del Benaco, tenta di uccidere il padre a coltellate: arrestato dai Carabinieri

massimo

Castelnuovo del Garda, arrestati due italiani per la rapina in villa a coppia di anziani

massimo

Verona, Enrichetta Alimena presenta il suo libro “Lotta per l’inclusione” sulla disabilità

massimo