9.1 C
Verona
3 Dicembre 2022
Basso Veronese In evidenza Spettacoli & cultura Spettacoli & cultura ultimaora

Legnago, l’Anpi lancia un ciclo di incontri sulla strategia della tensione che insanguinò l’Italia

La sezione Anpi di Legnago e Basso Veronese dedicherà, a cominciare da questo ottobre una serie di conferenze sulla strategia della tensione presentando alcuni episodi. Il primo vedrà, sabato 15 ottobre alle 16,45 in sala civica di via Matteotti a Legnago, il giornalista Paolo Morando (nella foto) presentare il suo libro “L’ergastolano. La strage di Peteano e l’enigma Vinciguerra” (Editori Laterza), introdotto da Corrado Bares.

La strategia della tensione fu la volontà eversiva di bloccare la realizzazione della Costituzione e il compimento della vita pienamente democratica del nostro Paese. Negli incontri proposti dall’Anpi si sottolineerà anche la continuità di elementi del regime fascista passati indenni a svolgere funzioni di rilevanza nell’Italia democratica. Tra questi alcuni ebbero importanti ruoli nei depistaggi delle stragi.

Oltre a funzionari del regime fascista che continuarono le loro carriere negli organismi dello stato democratico, affronteremo nel ciclo di conferenze personaggi, eminenti e non, della Repubblica Sociale che superarono sostanzialmente impuniti il dopoguerra e che continuarono ad operare contro la repubblica democratica che li aveva praticamente lasciati impuniti.

La sera del 31 maggio 1972 a Peteano un agguato dinamitardo provocò la morte di tre Carabinieri tratti in inganno da una telefonata anonima. Di tutte le stragi fasciste questa è la più singolare per la presenza di un reo confesso: Vincenzo Vinciguerra di Ordine Nuovo. La sua “assunzione di responsabilità” arrivò solo nel 1984, dopo una serie di depistaggi che indirizzarono le indagini prima verso Lotta Continua e poi verso un gruppo di giovani goriziani assolti dopo oltre un anno di carcere. Tra coloro che protessero e favorirono i neofascisti che assassinarono i tre carabinieri anche il segretario del Msi, Giorgio Almirante. Almirante fu rinviato a giudizio e sfuggì al processo solo grazie ad un’amnistia. Con un racconto incalzante, il libro fa luce sugli aspetti ancora in ombra della strage e sullo stesso Vinciguerra svelando una storia italiana ancora oggi difficile da accettare.

Paolo Morando è stato già ospite di Anpi Legnago in occasione del cinquantesimo anniversario della strage di Piazza Fontana. Giornalista, scrive per “Huffington Post”, “Internazionale”, “Domani”, “L’Essenziale”, sulla rivista “Il Mulino” e sul blog “minima e moralia”. Tra le sue pubblicazioni: La ricerca che aiuta le persone; Dancing Days.1978-1979; I due anni che hanno cambiato l’Italia; ’80. L’inizio della barbarie; Prima di Piazza Fontana. La prova generale; Eugenio Cefis. Una storia italiana di potere e misteri.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, lutto nel mondo agricolo e sindacale per la scomparsa di Laura Ferrin

massimo

Rinnovabili, Borchia (Lega): «Pericolo dipendenza tecnologica da Cina, ora creare filiera fotovoltaico in Europa»

massimo

Verona, camionista muore in un incidente tra Tir sulla strada dell’Alpo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Morte di Rebellin, il ricordo di Zaia: «Il ciclismo veneto perde una figura storica, esempio di atleta e di uomo»

massimo

Tragedia nel ciclismo: Davide Rebellin travolto e ucciso da un Tir mentre si allena in bicicletta

massimo