19.5 C
Verona
25 Settembre 2022
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Legnago, plauso di Zaia al primo prelievo multiorgano con espianto di polmone al Mater Salutis

«Una caratteristica probabilmente unica della sanità veneta è quella di poter contare su eccellenze diffuse su tutto il territorio. Lo hanno dimostrato i chirurghi dell’Ospedale di Legnago, ai quali vanno i miei complimenti».

L’ha detto oggi il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, parlando del al prelievo multiorgano effettuato il 19 gennaio al Mater Salutis che, per la prima volta nell’Ulss 9 Scaligera, ha visto anche l’espianto dei polmoni. L’intervento, reso noto ieri, è iniziato con il donatore, un cinquantenne entrato in ospedale in gravissime condizioni cliniche. Constatato il decesso “a cuore battente”, il coordinatore ospedaliero trapianti e il coordinatore infermieristico trapianti hanno informato la moglie della volontà espressa in vita dall’uomo, iscritto all’Aido, di donare gli organi.

La sera del 18 gennaio sono quindi giunte tre diverse equipe chirurgiche per la valutazione “in vivo”, che poi hanno eseguito il prelievo di fegato, dei due reni e del polmone. A quanto è dato sapere, tutti gli organi sono stati trapiantati con successo in strutture ospedaliere in Veneto e fuori regione, secondo logiche di liste di attesa dei riceventi.

Questo prelievo si inserisce nella consolidata tradizione di donazione dell’Ospedale di Legnago, mai interrotta in questi due anni di emergenza Covid-19, e riflette la sensibilità e la generosità della popolazione legnaghese. In particolare, da gennaio 2020, sono stati eseguiti tre prelievi multiorgano, per un totale di 8 organi (4 reni, 3 fegato e 1 polmone) che hanno permesso di ridare speranza e aspettativa di vita ad altrettanti pazienti affetti da patologie croniche invalidanti non curabili se non un trapianto di organo. Nello stesso periodo, sono state eseguite 236 donazioni di tessuti oculari (bulbi e cornee) e 4 donazioni multi-tessuto (segmenti vascolari, valvole cardiache e pericardio, cute e tessuti muscolo- tendinei) utilizzati in chirurgia plastica in caso di ustioni, in cardiochirurgia e in chirurgia ortopedica (neoplasie dell’osso).

«Il prelievo multiorgano – spiega la Alessandra Da Ros, coordinatore ospedaliero trapianti e membro della direzione medica del Mater Salutis – è stato possibile grazie alla competenza e alla disponibilità incondizionata di tutto il personale coinvolto, dai medici e infermieri della Rianimazione che hanno da subito preso in carico il paziente, agli infermieri del Gruppo Operatorio che hanno lavorato per più di 12 ore con equipe chirurgiche specialistiche trapiantologiche, ai medici e tecnici di laboratorio, ai medici della Radiologia, ai fattorini che più volte hanno portato campioni biologici ad analizzare presso altri ospedali, al Coordinatore Infermieristico dei trapianti con i suoi collaboratori, che hanno seguito passo passo tutta la parte tecnica online».

Condividi con:

Articoli Correlati

Buttapietra, due operai cadono dall’alto in un cantiere: sono gravi

massimo

San Bonifacio, bimbo di 7 anni investito in piazza Costituzione

massimo

Veronafiere lancia la nuova manifestazione “Fieragricola Tech”, dedicata all’innovazione in agricoltura

massimo

Velo Veronese, uomo di 73 anni investito da un trattore: è grave

massimo

Bovolone, donato dal Comune all’ospedale S. Biagio un ecografo

massimo

Legnago, nuovo caso umano di West Nile Disease scoperto il 16 settembre

massimo