5.7 C
Verona
3 Febbraio 2023
Basso Veronese In evidenza Politica Politica ultimaora

Legnago, Salvini rilancia sull’autonomia e sostiene Lorenzetti: «Con un sindaco della Lega prima i veronesi»

La felpa con la scritta Legnago gliel’ha regalata Graziano Lorenzetti, il candidato a sindaco della Lega e di gran parte del centro destra nella città del Salieri. E Matteo Salvini se l’è subito infilata. E da lì è partito il refrain di slogan elettorali che va avanti oramai da un mese, naturalmente adattati Comune per Comune, con un occhio sempre fisso alle Europee.

«Dovere sapere – ha detto il ministro dell’Interno oggi a Legnago ad una piazza Garibaldi strapiena – che i contributi comunali, i soldi comunali, le case comunali, se c’è un sindaco della Lega andranno prima ai veronesi e poi al resto del mondo. Prima gli italiani e poi il resto del mondo. Ci sono anche dei veronesi che fan fatica a pagare la bolletta della luce – ha aggiunto il vicepremiere – e nessuno viene a casa a pagargliela di notte, riattaccando il contatore della corrente, alludendo e chiaramente condannando il gesto di carità e umanità fatto a Roma dall’elemosiniere del Papa che due giorni fa ha pagato la bolletta perché venisse ridata la corrente ad uno stabile occupato da anni».

«Il 26 maggio la Lega avrà un risultato che non ha mai avuto nella sua storia e andremo a riprenderci quello che è giusto, il futuro per i nostri figli», ha concluso Salvini. (F.Z.)

Condividi con:

Articoli Correlati

Pressana, muore cadendo in una cisterna: ennesima vittima sul lavoro

massimo

Ferrara del Monte Baldo, disperso in Vajo dell’Orsa recuperato ieri sera a tarda ora dai Vigili del fuoco

massimo

Borchia (segretario provinciale Lega): «Approvato il decreto sull’Autonomia. Giornata storica»

massimo

Pallavolo, da domenica al Palaferroli di S. Bonifacio l’Unione Volley si gioca il campionato in sette gare

massimo

Scuola&Formazione, boom di partecipanti a “Orientiamoci insieme” della Camera di Commercio di Verona

massimo

Terrazzo, dalla Regione 4 milioni per ridurre il rischio idrogeologico su due sponde dell’Adige

massimo