6.3 C
Verona
29 Novembre 2022
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Legnago, scontro sul patrocinio del Comune alla conferenza di Gandolfini, l’uomo del Family Day

L’uomo del Family Day di Verona che sbarca a Legnago per parlare di testamento biologico. È già infuocato il dibattito politico sulla serata organizzata per venerdì 7 febbraio, con il patrocinio del Comune di Legnago, dall’associazione “Family Day difendiamo i nostri figli” che prevede, alle 20,45, in sala civica, una vera conferenza di Massimo Gandolfini su “Dat – Disposizioni anticipate di trattamento, accanimento terapeutico o cure?”. In parole comprensibili si parlerà del testamento biologico.

Gandolfini, nato a Roma nel 1951, neurochirurgo e psichiatra, direttore Dipartimento di neuroscienze e chirurgia testa-collo dell’ospedale Fondazione Poliambulanza di Brescia, è famoso per essere stato nel 1978 fra i primi medici a dichiarare l’obiezione di coscienza rispetto alla legge 194 sull’interruzione volontaria di gravidanza e nel 1981 si è impegnato a favore del referendum abrogativo. Aderente al Cammino neocatecumenale, presidente del comitato Difendiamo i nostri figli, organizzatore di due Family day, fa parte dell’Associazione medici cattolici italiani, è padre adottivo di sette figli.

A far scuotere sono le sue tesi su omosessualità, aborto, diritto al fine vita. Tutti argomenti fragili e difficili che Gandolfini ha affrontato con estrema durezza, definendo «l’omossessualità una variante del comportamento umano, un disagio identitario che va corretto dall’educatore che deve spingere il gay verso l’eterosessualità»: «la soppressione di una vita umana si chiama omicidio e il feto è un essere umano biologicamente definito»; «non penso faccia parte della disponibilità dell’uomo il diritto di morire»; «le famiglie arcobaleno, quelle plurime, quelle allargate, non sono famiglie vere. Sono unioni affettive che non rientrano nella fattispecie prevista dalla nostra Costituzione e sono un’insidia per le famiglie tradizionali».

«Il nostro disappunto come consiglieri comunali d’opposizione è totale – afferma Diego Porfido, capogruppo di Legnago Futura -. L’amministrazione Lorenzetti appoggia un evento tenuto da chi crede che gli omosessuali vadano rieducati, che l’aborto è un omicidio, che la famiglia è una sola. E tra l’altro senza contraddittorio e con l’assessore Donà che invita i cittadini a partecipare con una lettera. Questo fa pensare che la maggioranza che amministra la città condivida un certo tipo di ideali, strizzando l’occhio a un’idea di società che è esclusiva, non inclusiva, che rifiuta e non accetta».

Condividi con:

Articoli Correlati

Cologna Veneta, vinto un premio da 20 mila euro al 10eLotto

massimo

Verona, sette persone all’ospedale, di cui 4 gravi, per un incidente tra più auto

massimo

Bovolone, 86enne investito da un’auto: è gravissimo

massimo

Verona, grazie ad Adiconsum recupera 4500 euro sottrattigli con una truffa bancaria via sms

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Nogara, al Teatro Comunale in scena “Come respirare. Storie di ordinaria violenza” sul tema della violenza di genere

massimo