26.8 C
Verona
12 Luglio 2024
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Legnago, sindaco e assessore all’economia ribattono alla proposta di Legnago Futura: «I nostri negozianti non chiedono mance ma la possibilità di lavorare»

«Ringrazio la minoranza per la proposta ma ricordo che le nostre attività non chiedono mance di solidarietà, ma la possibilità di tornare a lavorare subito e di operare nei propri negozi, senza dimenticare che prima di investire molti denari è necessario verificare la necessaria condizione di dover rispettare il bilancio dato il congelamento della spesa resosi necessario dalla incertezza delle entrate comunali».

Risponde così, l’assessore alle attività economiche di Legnago, Nicola Scapini, alla proposta lanciata oggi dal gruppo di opposizione di Legnago Futura di destinare gli 80 mila euro del bilancio partecipativo al sostegno delle imprese ancora bloccate nell’attività per le misure di contenimento del Coronavirus.

«L’opposizione forse non sa che abbiamo un bilancio congelato in attesa di definire le reali capacità delle entrate. Ovvio che siamo vicini commercianti che sappiamo essere in difficoltà perché il Governo non sta facendo nulla, assolutamente niente, è fallimentare in questo senso demandando ai singoli Comuni la gestione delle mancate azioni del Governo stesso. Sarà nostra cura comunque avere riguardo nei nostri commercianti valutando numeri e conti», ribadisce il sindaco Graziano Lorenzetti.

«Si chiede di intervenire al posto dello Stato, però è necessario sempre tener presente che le risorse di un Comune sono molto esigue. Lo Stato deve essere al fianco dei comuni, del tessuto produttivo, del commercio, ma ad oggi non ha previsto nulla, nessun trasferimento in questo senso, lo zero completo – accusa Scapini -. L’amministrazione comunale compatibilmente con il proprio bilancio attiverà tutti gli strumenti possibili per dare una mano alle proprie attività a ripartire. I commercianti ,gli artigiani, le partite Iva non chiedono la mancia con un piccolo contributo di solidarietà ma chiedono la possibilità di tornare a lavorare all’interno dei propri negozi, delle proprie botteghe».

Condividi con:

Articoli Correlati

Albaredo d’Adige, scomparso l’ex sindaco Erminio Guzzo: fu l’ultimo della Dc

massimo

Verona, un morto sulla Serenissima questa notte nello scontro tra due auto

massimo

Verona, festa della Cgil venerdì sabato e domenica nell’area verde davanti alle Piscine Santini

massimo

Legnago, scintille tra Ambrosini e il neosindaco Longhi nel primo consiglio della nuova amministrazione

massimo

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, qui sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Ciclismo, Magagnotti (Autozai Contri) è campione europeo nell’inseguimento a squadre

massimo