11.3 C
Verona
2 Marzo 2024
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Legnago, tensione al centro tamponi con la rissa sfiorata per le lunghe code

Attimi di tensione questa mattina a Legnago al centro tamponi dell’Ulss 9 presso l’ex LIDL di via del Pontiere 19. A causa della lunga coda (quatto le file predisposte) e quindi di tempi d’attesa altrettanto allungati, tra l’altro con anche molta gente arrivata senza la prenotazione, più di qualcuno ha perso le staffe. E quando c’è stato anche chi ha cercato di scavalcare la fila sono volati spintoni, parole, urla. Tanto che un’infermiera è dovuta uscire dal centro sanitario ed ha minacciato di chiamare i carabinieri per cercare di riportare la calma. La tensione, però, resta alta anche perché ci sono cittadini da due ore in attesa per potersi fare il tampone. Molti arrivati da fuori Legnago, per esempio da Peschiera come da Illasi, anche perché quello legnaghese è uno dei pochi centro dove si accettano anche coloro che arrivano senza prenotazione. Una situazione resa ancor più pesante da persone che vengono a farsi il tampone spesso per futili motivi, o inviati dal loro medico di base o dal pediatra che richiede il tampone molecolare anche se la normativa non lo prevede più.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, Progetto Fuoco chiude con 45mila operatori professionali nei padiglioni (+12% estero)

massimo

Lavagno, il farmacista Vanzan candidato a sindaco unitario per il centrodestra

massimo

San Bonifacio, sorpreso in uno stabile abbandonato con della refurtiva, minaccia i Carabinieri con un coltello

massimo

Legnago, l’onorevole Maschio impone Longhi come candidato e il centrodestra si spacca

massimo

Isola della Scala, lettera aperta di Canazza al consiglio comunale: «Sulla piazza accogliamo all’unanimità la richiesta di un referendum»

massimo

Valeggio sul Mincio, piove in classe al Carnacina e gli studenti scioperano appoggiati da genitori e insegnanti

massimo