2 C
Verona
8 Febbraio 2023
Basso Veronese In evidenza Politica Politica ultimaora

Legnago, vertice a casa Giarola del centrodestra escluso dall’accordo con la Lega

La politica legnaghese è in pieno fermento dopo la candidatura ufficiale, sabato scorso, di Graziano Lorenzetti ad sindaco per il Carroccio, ed una coalizione del centrodestra formata da Laboratorio Legnago, Centrodestra per Legnago del consigliere Roberto Danieli. Ieri sera, infatti, le anime del centrodestra rimaste escluse da quest’accordo elettorale si sono ritrovate a casa dell’ex segratyrio leghista (espulso dal Carroccio un anno fa), Luciano Giarola.

Al vertice erano presenti Roberto Donà, segretario di Forza Italia a Legnago, Roberto Bronuzzi (candidato sindaco di una lista civica ed ex Udc), Gianluca Cavedo di Fratelli d’Italia, Maurizio Raganà, consigliere comunale di Forza Italia, Luca Gardinale, consigliere comunale di Civiva per Legnago-Longhi sindaco, Valentino Rossignoli, attuale vicesindaco di Sanguinetto ed esponente provinciale di Forza Italia; Carlo Antonio Scappini, dell’Unione cattolici legnaghesi (da non confondere con il nipote Nicola Scappini, leghista anche se tra quelli non proprio contenti della candidatura di Lorenzetti); e soprattutto Stefano Negrini, sindaco di Gazzo Veronese e da ieri di fresca nomina come vicecoordinatore provinciale di Forza Italia e responsabile del partito Berlusconiano per il Basso Veronese.

Dal vertice sarebbe emersa prima di tutto l’amarezza per l’esclusione da parte del Carroccio di questa forze del centrodestra legnaghese. «È da tre mesi che lavoriamo per mettere in piedi una proposta unitaria di tutto il centrodestra, Lega compresa, con incontri ogni 15 giorni – avrebbe sottolineato il padrone di casa, Luciano Giarola – e sinceramente riteniamo incomprensibile quest’accelerata della Lega che ha imposto il nome di Lorenzetti, senza prima un confronto su una scelta così importante con tutte le anime del centro destra. Noi continueremo a lavorare per l’unione di tutto il centrodestra alle prossime amministrative di Legnago. Ma, se la Lega riterrà di dover fare da sola, come oggi, siamo pronti naturalmente a presentare nostre liste a sostegno di un nostro candidato a sindaco».

«Non capiamo la presa di posizione sul candidato sindaco della Lega e l’esclusione dal confronto di una parte del centrodestra. Se il Carroccio ritiene di poter fare da solo si agirà di conseguenza», sarebbe stata l’analisi anche di Roberto Donà di Forza Italia.

Condividi con:

Articoli Correlati

Formazione, 2.000 studenti hanno partecipato all Giornata internazionale sulla sicurezza in internet 

massimo

Cattolica trasferisce attività in Piemonte e la Cgil attacca: «Generali mostra il suo vero volto mettendo a rischio 90 posti di lavoro alla Insurecom»

massimo

Formazione, presentato il Piano Operativo Regionale “Persi, dispersi e ritrovati: le politiche per i giovani”

massimo

Negrar, i Carabinieri pedinano uno spacciatore fino a Montebello (Vicenza) per arrestarlo

massimo

Verona, sbloccato a Roma dal Cipess il progetto del Filobus con 6,73 milioni di euro di contributo in più

massimo

Verona, Adiconsum ottiene dall’Arbitro Bancario Finanziario il rimborso di 4.200 euro truffati ad un cittadino tramite sms

massimo