24.5 C
Verona
16 Agosto 2022
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Legnago, via al riammodernamento del sistema di illuminazione e telecontrollo con l’arrivo di Agsm Lighting

Agsm sbarca a Legnago, esportando le sue tecnologie d’avanguardia e le sue professionalità. Il 22 agosto scorso è infatti avvenuta la firma del contratto tra l’amministrazione legnaghese e Agsm Lighting, società del gruppo veronese che gestisce l’illuminazione pubblica nella città scaligera ed in diversi Comuni della provincia. Dal primo settembre Agsm Lighting ha iniziato ad occuparsi operativamente degli impianti di illuminazione pubblica nel Comune di Legnago. I dettagli dell’accordo sono stati illustrati oggi in una conferenza stampa alla presenza del presidente del gruppo Michele Croce, del presidente di Agsm Lighting, Filippo Rigo, e di Clara Scapin, primo cittadino di Legnago. Sono state ricordate le tappe che hanno portato alla stipula della partnership, dalla delibera del 2014 con la quale il Comune dichiarava il pubblico interesse alla proposta presentata da Agsm Lighting, alla relativa gara indetta dall’amministrazione nel dicembre 2017, fino all’avvio della gestione dell’illuminazione pubblica avvenuta in questi giorni.

«Una sfida importante e impegnativa per il gruppo Agsm sia per l’ampiezza del territorio servito, sia per il numero degli abitanti, sia soprattutto per il considerevole numero di punti luce e di chilometri di linee interrate. Uno dei nostri obiettivi principali è sicuramente quello di migliorare la qualità della vita dei cittadini attraverso infrastrutture moderne ed efficienti – ha dichiarato Croce -. Gestiremo circa 6000 punti luci in tutta la città, ottimizzando, efficientando e razionalizzando i consumi energetici, evitandone inutili sprechi consentendo una riduzione del consumo del 70%. Proprio in quest’ottica provvederemo inoltre a dotare di sistemi di telecontrollo “punto-punto” circa 400 punti luce del centro storico, cercando così di valorizzarlo ed abbellirlo».

«Garantiremo agli oltre 25000 cittadini legnaghesi un servizio affidabile, moderno, tecnologicamente avanzato e a prezzi assolutamente competitivi – ha sottolineato Rigo – Il progetto prevede la sostituzione di 5723 punti luce con nuovi apparecchi a Led di nuova generazione, il riammodernamento e la riverniciatura di circa 400 pali di illuminazione, la sostituzione di 100 quadri di comando, la sostituzione di 65000 metri di cavi ed il rifacimento di 1800 metri di linee interrate. La durata dell’affidamento sarà di 17 anni e 6 mesi».

«Questo progetto nasce dalle necessità di riqualificare l’illuminazione pubblica, di promuovere il risparmio energetico, di ridurre l’inquinamento luminoso migliorando la qualità dell’illuminazione stessa e inoltre come una delle risposte per la sicurezza sul territorio tanto richiesta dai cittadini – ha commentato il sindaco Scapin – Per fare questo importante intervento atteso dalla Città da anni,

serviva un investimento consistente di oltre 2 milioni di euro, ma i Comuni per regole di contabilità e per il Patto di stabilità non riescono a sostenere facilmente queste spese. Ecco quindi – ha concluso il primo cittadino – la collaborazione partenariato pubblico privato, che è un project financing, con Agsm, una azienda del veronese esperta nel settore ed affidabile. Con questa intesa l’amministrazione oltre ai vantaggi tecnici avrà anche dei risparmi economici, infatti, pagherà un canone annuale, che è inferiore al costo che prima sosteneva per l’illuminazione degli oltre 6.000 punti luce, risparmiando circa 70.000 euro l’anno e migliorando notevolmente il servizio».

Condividi con:

Articoli Correlati

Politiche 2022, il Pd candida come capolista alla Camera l’uscente Alessia Rotta

massimo

Politiche 2022, oggi le “Parlamentarie” 5 Stelle sui candidati: esclusa la veronese Businarolo

massimo

Verona, al “Mura Festival” appuntamento con le degustazioni di Slow Food

massimo

Ciclismo, Biondani (Autozai Petrucci Contri) quarto a Ceneda di Vittorio Veneto

massimo

Verona, Estravagario Teatro porta in scena “Un uomo, il pianoforte, il mare”

massimo

Olivicoltura, video dell’Aipo: olive entrate nella fase di inolizione

massimo