22.3 C
Verona
15 Agosto 2022
In evidenza Spettacoli & cultura ultimaora

Lessinia, al “TeatroStalla” di Passo Fittanze l’opera “Gissa Màissa” del Teatro Impiria

Gissa_Màissa

Dopo lo straordinario successo degli appuntamenti precedenti, che hanno registrato puntualmente il tutto esaurito, domenica 23 agosto termina la quinta edizione della rassegna “Storie a Pancia Piena” organizzata dal Teatro Impiria di Andrea Castelletti in collaborazione con il Rifugio Malga Valbella. Nel suggestivo ed originale TeatroStalla di Passo Fittanze, ad Erbezzo, davanti ad una singolare platea realizzata con balle di paglia, va in scena il Teatro Impiria con la sua ultima produzione, “Gissa Màissa” di Raffaello Canteri, con scene, musica e regia di Antonio Canteri.

Sul palco l’eclettico Sergio Bonometti, la cui notevole abilità di mimo aiuta nella comprensione del testo, che linguisticamente trapassa senza soluzione di continuità dal cimbro al veronese all’italiano, affiancato da Chiara Rigo, incantevole fada, entrambi accompagnati dalla voce narrante del già ben noto e apprezzato Guido Ruzzenenti. Lo spettacolo racconta con toni fiabeschi ed un linguaggio onirico e straniante, l’incontro tra il cimbro Konrad e la fada Gissa Màissa che educa il montanaro al vivere civile, insegnandogli il canto e la danza e il sapere.

“Gissa Màissa” è una favola scritta da Raffaello Canteri, tratta dal suo libro “L’autunno dei Cimbri”, un racconto mitico collocabile storicamente nell’epoca del primo apparire sulle montagne lessinesi del popolo cimbro, oltre settecento anni fa, un mondo ancora selvatico e misterioso, dove vivono creature misteriose. La stessa linfa scorre infatti e attraversa le vene e i rami degli alberi e le nuvole del cielo. La favola di Gissa Màissa e del suo uomo può essere letta dunque anche come parabola del progresso e della disillusione, come metafora del vivere civile, come viaggio intorno all’uomo e alle sue vicissitudini.

Tutti gli spettacoli hanno inizio alle ore 15. In caso di pioggia lo spettacolo si svolgerà al coperto. Per chi volesse, prima dello spettacolo, è possibile pranzare presso il Rifugio Malga Valbella (tel. 349 3618702), la cui specialità sono senza dubbio gli gnocchi di malga, piatto tipico della Lessinia. Al termine dello spettacolo, verrà servito del vino e distribuiti gratuitamente pane, salame e formaggi tipici.

Condividi con:

Articoli Correlati

Olivicoltura, video dell’Aipo: olive entrate nella fase di inolizione

massimo

Sanità, la Cgil denuncia: «La diagnostica biologica del Centro trasfusionale di Bussolengo spostata a Borgo Roma»

massimo

Verona, al “Mura Festival” il reggae dei “Niu Tennici in Roots of San Bernardin”

massimo

Zaia ricorda Augusto Salvadori: «Un veneziano innamorato fino in fondo della sua città»

massimo

San Giovanni Ilarione, arrestato il 61enne: era tornato a casa pistola in pugno

massimo

San Giovanni Ilarione, il pensionato che ha sparato all’ex moglie senza colpirla è in fuga armato

massimo