24.3 C
Verona
20 Maggio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Lessinia, oltre 70 volontari a vigilare nelle “Notti da Lupi” di Legambiente

lessinia-parco

Notti insonni a vigilare perché i lupi non attaccassero le mandrie al pascolo. È questo quello che garantiva la campagna “Notti da Lupi” di Legambiente che ha visto l’iscrizione di 70 persone di diversa provenienza territoriale, perfino da Venezia, Vicenza, Mantova, Lecco e Bergamo. Studenti e pensionati, lavoratori e disoccupati, insegnanti e programmatori web, consiglieri comunali, architetti, biologi in Lessinia a controllare che i lupi rimangano nei loro territori. Spinti tutti dal desiderio di fare qualcosa che non siano le parole.

Il punto su questo primo mese di attività è stato fatto nell’incontro di aggiornamento tenuto ieri sera, venerdì 31 luglio, alle 18 a Legambiente La campagna di sorveglianza dei bovini in alpeggio in Lessinia, iniziata ai primi di luglio, ha visto partecipare 46 squadre, che per 22 giorni di attività hanno controllato 7 malghe, ripetutamente toccate perché strategiche nei percorsi dei lupi. Finora l’unico segnale, concreto e visibile, di una volontà di fare qualcosa per la prevenzione.

Ogni sera alcune coppie di volontari, organizzate da Legambiente, si ritrovano a partire all’ora del tramonto. Lasciano le loro auto lungo le strade dell’alta Lessinia e percorrono i pascoli sulle sommità illuminando il paesaggio con le loro torce, ponendo la loro presenza fra i lupi e le mucche al pascolo. Certo, i lupi non si vedono. Troppo timorosi dell’uomo, loro storico predatore; si tengono a distanza e evitano il contatto. Proprio questo è lo scopo di “Notti da Lupi”: distogliere il branco dalle comode prede domestiche per rivolgerlo alle sue prede naturali, gli animali selvatici che popolano i boschi della Lessinia.

L’attività sicuramente ha disorientato i lupi, hanno scelto orari insoliti per uscire a caccia, hanno diversificato i loro percorsi, sacrificando le rotte note dagli scorsi anni, che li portavano da una parte all’altra su sentieri sicuri. Meno predazioni? Questo sarà noto al termine della stagione e sarà compito delle istituzioni stabilirlo, certo è che la sorveglianza è diventata un elemento nuovo nel panorama del problema lupo. Un’iniziativa concreta con 70 protagonisti, non sempre e da tutti guardata con simpatia.

Condividi con:

Articoli Correlati

Ciclismo, Magagnotti (Autozai Contri) secondo tra i giovani in Nations Cup

massimo

Meteo, nuova allerta in tutto il Veneto per forti piogge. “Rossa” nel Basso Veronese

massimo

Sanità, inaugurato l’Ospedale di Comunità all’interno del Sacro Cuore di Negrar

massimo

Ciclismo, Remelli (Autozai Contri) secondo nel Novarese

massimo

Bussolengo, il tour sulla sicurezza nella scuola della Regione arriva all’istituto Marie Curie

massimo

Verona, incontro sul tema della diffamazione online

massimo