7.7 C
Verona
2 Dicembre 2022
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

L’ospedale di Legnago è Centro di riferimento per l’Ipertensione Arteriosa

Pancera Paolo web

La Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa ha riconosciuto l’attività del Centro di riferimento per la diagnosi e la cura dell’Ipertensione arteriosa dell’Unità Operativa di Medicina Interna dell’Ospedale Mater Salutis di Legnago, diretta dal dottor Paolo Pancera, inserendolo tra i più qualificati a livello nazionale.

L’attività portata avanti con regolarità in questi anni dall’ambulatorio dedicato è stata ritenuta degna di valorizzazione da parte della Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa. La diagnosi e la terapia dell’ipertensione arteriosa sono state infatti oggetto di studio ed approfondimento da parte del dottor Pancera e dei suoi collaboratori, in particolare dei medici specialisti Gabriella Amen, Fabio Priante, Mirco Ribul-Moro e Marco Ricci.

Il reparto di Medicina Interna, con la nuova riorganizzazione delle aziende sanitarie da parte della Regione Veneto, dal 15 novembre 2015 ha aumentato la sua dotazione di letti da 27 a 41 e comprende oltre al direttore Paolo Pancera i medici Gabriella Amen, Anna Frigo, Fabio Priante, Mirco Ribul-Moro, Marco Ricci e Paolo Vincenzi. Quest’ultimo e la dottoressa Anna Frigo si occupano prevalentemente di patologia endocrinologica. Altri tre medici si applicano precipuamente all’assistenza dei pazienti affetti da diabete mellito: Lucia Bondesan, Marina Cardinaletti e Sandro Perbellini che ricopre il ruolo di responsabile per l’ambulatorio diabetologico.

Nel 2015 l’Unità Operativa di Medicina Interna ha curato nel suo reparto circa mille pazienti oltre a svolgere regolarmente attività ambulatoriale che si articola in diverse branche internistiche: medicina interna, endocrinologia, reumatologia, ipertensione arteriosa, diabetologia ed erogato circa 14.000 prestazioni delle quali circa 1300 relative ad esami di diagnostica strumentale.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, camionista muore in un incidente tra Tir sulla strada dell’Alpo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Morte di Rebellin, il ricordo di Zaia: «Il ciclismo veneto perde una figura storica, esempio di atleta e di uomo»

massimo

Tragedia nel ciclismo: Davide Rebellin travolto e ucciso da un Tir mentre si allena in bicicletta

massimo

Verona, folle fuga in auto contromano in tangenziale per scappare ai Carabinieri

massimo

San Bonifacio,  arrestati dai Carabinieri i due autori della rapina ad un’anziana al cimitero

massimo