5.7 C
Verona
3 Febbraio 2023
Cronaca In evidenza ultimaora

Lupi in Lessinia, Borchia (Lega): «Stop agli attacchi predatori incontrollati nelle aree montane»

«Nessuno vuole lo sterminio dei lupi né stravolgere l’ecosistema di queste zone, ma è chiaro a tutti che per difendere concretamente persone, animali da allevamento e le attività produttive servono soluzioni adeguate ed efficaci anche a livello europeo. Vanno fermati gli attacchi predatori incontrollati nelle aree montane e rurali».

L’ha affermato l’eurodeputato veronese della Lega, Paolo Borchia, a margine della conferenza “Il Lupo: rischi e opportunità nella coabitazione dei grandi carnivori” tenuta ieri, martedì 29 novembre, al Parlamento Europeo di Bruxelles, organizzata e promossa dal collega Alessandro Panza.

«La modifica dello stato di protezione del lupo è sempre più necessaria perché permetterebbe agli Stati di proteggersi da un aumento importante di questi animali sempre più pericolosi e dannosi. È evidente che il respingimento della declassificazione del livello di protezione da parte della Convenzione di Berna non aiuta allevatori, agricoltori e le nostre comunità montane – ha spiegato l’europarlamentare -. Serve che l’Ue sviluppi urgentemente un approccio coordinato per supportare gli Stati Membri, compresa l’Italia, dove la presenza del lupo è sempre più intensa». «Penso al Veneto, la mia regione, – ha aggiunto Borchia – dove gli allevatori delle province di Verona, Vicenza, Treviso e Belluno stanno subendo forti disagi poiché non è raro che dopo gli attacchi al bestiame da parte dei branchi vi sia la morte dell’animale. Non solo, lo stress per i capi che sopravvivono spesso portano l’animale a non essere più in condizioni ottimali. Tutto questo sta allontanando tanti piccoli allevatori, contribuendo all’abbandono e allo spopolamento delle aree montane, facendo venir meno quel presidio fondamentale per la tutela e la salvaguardia del territorio. La parola d’ordine deve essere gestione, con il coinvolgimento diretto anche degli enti locali, ma il primo passo lo deve fare la Commissione europea, rivedendo gli allegati della direttiva Habitat che dopo 30 anni ormai deve essere aggiornata».

Condividi con:

Articoli Correlati

Pressana, è un cinquantenne la vittima sul lavoro morto cadendo nella cisterna di un’azienda

massimo

Pressana, muore cadendo in una cisterna: ennesima vittima sul lavoro

massimo

Ferrara del Monte Baldo, disperso in Vajo dell’Orsa recuperato ieri sera a tarda ora dai Vigili del fuoco

massimo

Borchia (segretario provinciale Lega): «Approvato il decreto sull’Autonomia. Giornata storica»

massimo

Pallavolo, da domenica al Palaferroli di S. Bonifacio l’Unione Volley si gioca il campionato in sette gare

massimo

Scuola&Formazione, boom di partecipanti a “Orientiamoci insieme” della Camera di Commercio di Verona

massimo