13.4 C
Verona
3 Marzo 2024
Economia In evidenza ultimaora

Matteo Zoppas nuovo presidente di Confindustria Veneto

Matteo Zoppas
Matteo Zoppas

Matteo Zoppas, veneziano, 42enne, erede dell’importante dinastia imprenditoriale veneta, è il nuovo presidente di Confindustria Veneto. L’imprenditore veneziano succede a Roberto Zuccato, che ha completato il proprio mandato dopo quattro anni alla guida degli industriali veneti. Zoppas è stato eletto oggi dal Consiglio di presidenza di Confindustria Veneto, composto dai presidenti delle associazioni territoriali, dal presidente veneto e dai presidenti regionali della Piccola Industria e dei Giovani Imprenditori.

Bocconiano, due master, ex tricolore di moto enduro, membro del Cda di Acqua San Benedetto, con incarichi operativi nel gruppo guidato dallo zio Enrico Zoppas, Matteo dovrà gestire i problemi della Confindustria regionale (11 mila aziende e 320 mila addetti) causati soprattutto dal crac delle due popolari venete.

A Zoppas sono subito arrivati i saluti del presidente della Regione, Luca Zaia: «È l’erede di una nostra importante dinastia imprenditoriale e contemporaneamente rappresenta anche un cambiamento generazionale all’interno dell’associazione delle grandi imprese venete.  Non potrà che fare bene, considerate le grandi sfide che attendono il sistema imprenditoriale della nostra regione nei prossimi anni».

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, Progetto Fuoco chiude con 45mila operatori professionali nei padiglioni (+12% estero)

massimo

Lavagno, il farmacista Vanzan candidato a sindaco unitario per il centrodestra

massimo

San Bonifacio, sorpreso in uno stabile abbandonato con della refurtiva, minaccia i Carabinieri con un coltello

massimo

Legnago, l’onorevole Maschio impone Longhi come candidato e il centrodestra si spacca

massimo

Isola della Scala, lettera aperta di Canazza al consiglio comunale: «Sulla piazza accogliamo all’unanimità la richiesta di un referendum»

massimo

Valeggio sul Mincio, piove in classe al Carnacina e gli studenti scioperano appoggiati da genitori e insegnanti

massimo