9.5 C
Verona
7 Marzo 2021
In evidenza Politica ultimaora

Melotti (Forza Italia): «L’anomalia non è il sostegno a Draghi ma le divisioni del centro destra a Verona»

«Se a livello nazionale il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, bene ha fatto nel dare il suo sostegno a Draghi, mettendo da parte logiche di partito, non si può dire altrettanto qui a Verona dove per responsabilità del sindaco Sboarina, che ha non ha mai coinvolto Forza Italia sui temi caldi della vita amministrativa, ci troviamo oggi di fronte ad una spaccatura insanabile che si regge solo grazie a cavilli burocratici».

Lo afferma oggi con una un comunicato Claudio Melotti (nella foto), coordinatore provinciale di Forza Italia, riflettendo sulle novità politiche che arrivano da Roma. «Forza Italia ha aderito all’appello al senso di responsabilità che il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha rivolto a tutte le forze politiche in un momento di grave emergenza sanitaria ed economica per il nostro Paese – spiega Melotti -. E si ritrova ancora di più nelle parole del Presidente del Consiglio, Mario Draghi, pronunciate oggi nel suo discorso al Senato. Non esiste nessuna anomalia politica se partiti di orientamento tra loro differente, Lega compresa, si trovano oggi a sostenere un governo che ha il compito e la responsabilità di traghettare l’Italia nel dopo Covid. L’anomalia, caso mai, sta nel non aver dato il proprio sostegno al professor Draghi, mascherando con una finta coerenza quelle che nei fatti sono solo mere logiche di tornaconto elettorale».

«Se volessimo rilevare una vera anomalia – rincara Melotti – dovremmo caso mai guardare a quello che succede quotidianamente all’interno del consiglio comunale di Verona, dove i giri di poltrone e i cambi di casacca sono all’ordine del giorno, in spregio a qualsiasi regola di rispetto istituzionale. Chi siede sui banchi del consiglio comunale di Verona sotto il simbolo di Forza Italia non rappresenta il partito nel quale è stato eletto, non si è mai confrontato con il partito e sia alle elezioni provinciali sia alle ultime elezioni regionali ha sostenuto candidati presenti in altre forze politiche. Forza Italia a Verona è l’anima del centrodestra ma non sostiene più il sindaco Sboarina anche se il simbolo rimane formalmente depositato per regolamento comunale».

«Forza Italia è un partito vivo, strutturato e attivo, sia a livello provinciale sia regionale, che rifiuta queste logiche di bassa politica. Proprio per questo ci stiamo impegnando per un “nuovo rinascimento di Verona”, che coinvolga la società civile e l’elettorato moderato che da sempre rappresentiamo, con un confronto pragmatico e realistico che faccia uscire la città dall’immobilismo e la rilanci quale motore economico e strategico del Veneto», conclude Melotti, ribadendo il ruolo centrale e di collante di Forza Italia, in qualità di partito rappresentativo della base moderata, sia a Verona sia nei 23 Comuni della provincia chiamati presto al voto.

Articoli Correlati

Cattolica Assicurazioni, il Cda avvia il rinnovo delle cariche richiesto dall’Ivass

massimo

S. Giovanni Ilarione, perde la vita scontrandosi in auto con il furgone guidato dal fratello

massimo

S. Giovanni Ilarione, cade da solo con la moto: è grave

massimo

Verona, i vigili del fuoco bardano il tecnico chiamato a riparare la caldaia di una famiglia colpita dal Covid

massimo

La “Settimana del socio Pro Loco” da lunedì sul web

massimo

Legnago, Festa della Donna in ospedale l’associazione “Cuore di Donna”

massimo