17 C
Verona
22 Maggio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Meteo, dalla Regione allerta per forti piogge da domani a domenica

È in arrivo una nuova e intensa fase di maltempo sul territorio del Veneto nel fine settimana con precipitazioni estese e persistenti e venti forti dai quadranti meridionali. Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile ha emesso un avviso di preallarme (allerta arancione) dalle 14 di domani e fino alla mezzanotte di domenica per criticità idrogeologica e idraulica nei bacini dell’Alto Piave, Piave Pedemontano e Alto Brenta-Bacchiglione. Allerta arancione per criticità idraulica anche nel bacino del Livenza. È stato dichiarato lo stato di attenzione (allerta gialla) per criticità idraulica e idrogeologica nei bacini dell’Adige, del Basso Brenta e Basso Piave. La fase più critica dell’evento è prevista tra sabato pomeriggio e domenica pomeriggio.

Sono previste precipitazioni a partire da domani mattina in progressiva estensione e intensificazione durante la giornata. Le precipitazioni più intense saranno concentrate tra il pomeriggio di domani e quello di domenica. Le zone più colpite saranno quelle montane e pedemontane con quantitativi anche molto abbondanti specie sulle zone prealpine centro-orientali e Dolomiti.

La Protezione Civile ha dichiarato inoltre lo stato di attenzione per vento forte dai quadranti meridionali sulla zona costiera e pianura limitrofe, e sulle zona prealpina e alpina dalle 14 di domani e fino alla mezzanotte di domenica.

Condividi con:

Articoli Correlati

San Bonifacio, alzato il ponte della Motta per far passare l’Alpone in piena

massimo

Maltempo, Soave conta i danni con oltre 170 abitazioni allagate fino al piano terra, una cantina devastata e 11 frane

massimo

San Pietro di Morubio, un morto nel ribaltamento di un’auto

massimo

San Bonifacio e Soave, attenti a finti tecnici di Acque Veronesi

massimo

Ciclismo, Magagnotti (Autozai Contri) secondo tra i giovani in Nations Cup

massimo

Meteo, nuova allerta in tutto il Veneto per forti piogge. “Rossa” nel Basso Veronese

massimo