17.6 C
Verona
14 Giugno 2024
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Minerbe, il sindaco Guarise finisce in minoranza sul tempio crematorio

cremazione-impianto

Il sindaco Guarise perde i suoi uomini e va in minoranza in consiglio sul tempio della cremazione. Capitolo definitivamente chiuso: l’opera proposta dalla Guerrato Spa di Rovigo non sorgerà a Minerbe. E l’opposizione attacca: l’amministrazione è ormai al tramonto. Forti tensioni all’interno della maggioranza nel consiglio comunale di ieri sera, mercoledì 24 giugno, in sala civica a Minerbe.

Una mozione dal titolo “Ipotesi costruzione impianto crematorio in adiacenza al cimitero” a firma Guarise-Ronchin è stata sottoposta alla discussione dell’aula, riaccendendo un dibattito fortemente sentito in paese che aveva creato forti mal di pancia non solo tra i cittadini, ma anche all’interno dell’amministrazione, come anticipato qualche settimana fa da Primo Giornale.

Grandi assenti della serata il vicesindaco Maurizio Grigolo e i consiglieri d’opposizione della Lega Nord Federico Chiavegato e Andrea Girardi. Dopo il discorso iniziale di Guarise, che ha illustrato i vantaggi dell’opera e ha smontato una per una dal punto di vista scientifico le accuse mosse da alcuni volantini anonimi (odori acri e inquinamento dell’aria), si è passati alle intenzioni di voto. Contrari all’opera l’assessore Luigi Bertoldi e i consiglieri Sandro Bellini e Giovanni Cortese. «Andrebbe a ledere la sensibilità di molti cittadini», hanno ribadito i tre. Si sono opposti al tempio della cremazione anche Roberto Coppiello, da tempo ai margini della maggioranza, e i consiglieri d’opposizione di Buon Governo per Minerbe, Giovanni Pesenato e Angelo Serinolli. Favorevoli alla mozione solo il primo cittadino, l’assessore Emanuela Ronchin, i consiglieri Luigi Rossi e Stefano Guarise.

Il voto finisce 6 a 4 e per la prima volta il sindaco viene battuto in consiglio comunale, a causa del voto contrario di alcuni suoi uomini. Non sono mancate le reciproche accuse: una su tutte quella del consigliere di maggioranza Rossi, che, tra le risate generali, ha puntato il dito contro l’assessore Bertoldi, reo di aver redatto i volantini di protesta. Insomma, Guarise sapeva in partenza di non avere i numeri, ma ha voluto ugualmente sottoporsi al giudizio dell’aula, con un esito tutt’altro che esaltante.

Clamoroso autogol? «Assolutamente no – spiega il primo cittadino – sapevo già che in maggioranza c’erano opinioni diverse. Tuttavia volevo che i miei consiglieri si assumessero le proprie responsabilità di fronte ai cittadini». M.B.

Condividi con:

Articoli Correlati

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, qui sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Verona, tenta di entrare nella casa della compagna nonostante il divieto di avvicinamento: arrestato

massimo

Casaleone, torna il weekend della Festa della Birra

massimo

Ciclismo, il Giro d’Italia Under 23 nel Veronese con tappone sulle colline del Valpolicella

massimo

Meteo, ancora piogge fino alle 14 di giovedì poi arriverà l’estate

massimo

Monteforte d’Alpone, riconfermato il sindaco Costa con il 78,19% dei voti

massimo